Giorgia Meloni, altro caso: sede scelta per G7 richiama la "tangentopoli romana"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Giorgia Meloni, altro caso: sede scelta per G7 richiama la “tangentopoli romana”

Giorgia Meloni, altro caso: sede scelta per G7 richiama la “tangentopoli romana”

Diventa un caso la sede scelta dalla Premier Giorgia Meloni per ospitare il prossimo G7 in Italia, Borgo Egnazia. Ecco il motivo.

Potrebbero esserci presto nuove polemiche attorno alla Presidente del Consiglio italiana, Giorgia Meloni. Dopo la vicenda relativa allo scherzo telefonico dei comici russi, ecco un altro caso che sta iniziando a far discutere, quello della scelta della sede del prossimo G7 che andrà in scena in Italia nel giugno 2024.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Giorgia Meloni e la sede del G7

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Manca ancora qualche mese ma l’Italia si sta preparando ad ospitare il G7. In tale ottica, la sede del summit mondiale é stata già individuata. Come sottolineato da Il Fatto Quotidiano, infatti, Giorgia Meloni ha scelto Borgo Egnazia per il meeting che si terrà dal 13 al 15 giugno 2024. Si tratta di un resort nella Valle d’Itria in Puglia.

Una decisione destinata a far parlare. Il motivo? Lo ha spiegato proprio Il Fatto Quotidiano che ha ricordato come quella villa sia stata coinvolta in una notevole storia di Mani Pulite, la cosiddetta “Tangentopoli romana”.

Infatti, il proprietario e fondatore proprio di Borgo Egnazia, l’avvocato Sergio Melpignano, nei primi anni Novanta finì al centro delle inchieste giudiziarie con tanto di mesi di carcere, interrogatori e processi. La vicenda, poi, si concluse con un patteggiamento ad un anno e sei mesi per corruzione. Il Resort in questione, scelto ora dalla Premier per il G7, venne acquistato prima dell’arresto, proprio prima dello sviluppo di tutta la querelle giudiziaria.

Nessuna traccia

Al netto del clamore che questa scelta può destare, lo stesso Fatto ha anche sottolineato come sulla villa e su tutto il Resort, ora rimasto alla vedova Marisa Lisi, non ci siano tracce relative alla “tangentopoli romana”.

“Sul web non è rimasta più nessuna traccia. Provate a cercare Sergio Melpignano in Internet. Troverete ottime recensioni turistiche. Molto gossip. Elogi per i primati golfistici. Nulla sulle inchieste e sulle rivelazioni incorporate, tranne qualche residuo di cronaca locale. Tutto ripulito” e pronto al G7 del 2024…

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 17 Novembre 2023 13:35

Franco Prodi contro Papa Francesco: “La Chiesa verso il disastro”

nl pixel