Giorgia Meloni allo scoperto: svela "la più grande truffa della storia"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Giorgia Meloni allo scoperto: svela “la più grande truffa della storia”

Giorgia Meloni

Non fa giri di parole Giorgia Meloni per parlare di alcuni temi scottanti dell’attualità italiana. Dal Superbonus alle privatizzazioni: ecco il commento.

Dichiarazioni piuttosto dure quelle rilasciate dalla Premier Giorgia Meloni a ‘Quarta Repubblica’, trasmissione di Rete4. La Presidente del Consiglio si è soffermata sul Superbonus e l’impatto di esso nei conti dello Stato. Non solo. La leader italiana si è concentrata anche su argomenti come le privatizzazioni e la sua possibile candidatura alle Europee.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Giorgia Meloni, il duro commento sul Superbonus

Per quanto concerne il discorso Superbonus, la Meloni non ci è andata per il sottile. La Premier, infatti, ha detto senza giri di parole: “Il Superbonus partiva da un principio che è condivisibile, il problema è come è stato fatto”, ha esordito.

Poi, entrando nel dettaglio: “La norma è scritta così male che si è configurata come la più grande truffa ai danni dello Stato italiano della storia, i miliardi di euro di truffa che stanno venendo fuori sono qualcosa che non si è mai visto”.

Dando qualche numero sulla questione, la Premier ha spiegato: “La misura costa a ciascun italiano, neonati compresi, e compresi quelli che non hanno una casa, più di 2mila euro a testa. Il 50% di queste risorse sono andate a beneficio del 10% della fetta più ricca della popolazione, cioè gente che non aveva una casa ha pagato per ristrutturare la seconda casa del milionario”.

Il tema caldo delle privatizzazioni

Un argomento di forte attualità è stato anche quello delle privatizzazioni. In tal senso Giorgia Meloni ha sottolineato: “Per me privatizzazione non è regali miliardari fatti a un imprenditore fortunato e amico. Significa che lo Stato può indietreggiare dove la sua presenza non è necessaria, mentre lo Stato deve avanzare quando è necessaria. Nel documento economico di bilancio prevediamo 20 miliardi in 3 anni, che sono un lavoro che si può fare con serietà”.

Candidatura alle Europee

Per quanto concerne l’ipotesi candidatura alle Europee, la Meloni è voluta rimanere sul vago con un “vediamo”. A richiesta esplicita di dare qualche informazione sull’argomento, la donna ha risposto: “Le possibilità che mi candidi sono al 50%”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 23 Gennaio 2024 13:40

2xmille: ecco dove finiscono 24 milioni di euro

nl pixel