Giorgio Lopez è morto all’età di 74 anni. Il fratello di Massimo ha dato la voce a Danny DeVito e Dustin Hoffmann.

ROMA – Lutto nel mondo del cinema. E’ morto all’età di 74 anni Giorgio Lopez, conosciuto da tutti per aver dato la voce a Danny DeVito e Dustin Hoffmann oltre che essere il fratello di Massimo. La notizia della scomparsa, appresa con molto dolore dall’intero settore dello spettacolo e della musica, è stata data dal figlio Gabriele con un lungo post su Facebook.

Caro Papà – si legge in un post sui social – sei stato un lottatore encomiabile, ora puoi correre libero e recitare in infiniti spettacoli. Ti abbiamo amato molto“.

Il ricordo di Massimo Lopez

Anche Massimo Lopez ha voluto ricordare il fratello Giorgio con un messaggio sui social. “Mio fratello – le parole dell’attore riportate da La Repubblicase n’è andato questa mattina all’alba (10 agosto 2021). E’ andato via un grande artista, una grande mente, un filosofo, un saggio. Ma lui non si è spento, il suo spirito è forte, il suo spirito rimane e rimarrà per sempre. Mi hai insegnato tantissimo, mi ha dato il coraggio di fare questo mestiere e quindi ce l’ho sempre con me, qui nel cuore. Ciao Giorgio, ti voglio bene“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Massimo Lopez
Massimo Lopez

Chi era Giorgio Lopez

Nato a Napoli nel 1947, Giorgio Lopez ha iniziato la sua carriera come attore teatrale. Con il passare degli anni, però, l’artista si è fatto conoscere da tutti gli appassionati (e non solo) per aver dato la voce a diversi attori stranieri e tra loro anche quelli di Dustin Hofmann e Danny DeVito.

Per Giorgio un grande rapporto anche con il fratello Massimo tanto da essere stato direttore di doppiaggio per alcuni lavori del più piccolo dei Lopez insieme a Tullio Solenghi e Anna Marchesini, una collaborazione che ha regalato tante risate e soddisfazioni alla televisione italiana.


Donna trovata senza vita in un appartamento a Palermo, indagini in corso. A Pavia 40enne uccisa dal compagno

Coronavirus, i nuovi dati sui ricoveri: tre regioni a rischio zona gialla