Giornata vittime della mafia, Mattarella a Casal di Principe
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Manifestazioni per la Giornata per le vittime della mafia. Mattarella: “Mafiosi senza onore e coraggio”

Sergio Mattarella

Oggi in occasione della Giornata in memoria delle vittime della mafia, il Presidente Mattarella si è recato a Casal di Principe.

Il 21 marzo si celebra la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia. Manifestazioni a Roma e a Milano e in altre città italiane mentre il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sarà a Casal di Principe, in provincia di Caserta nella cosiddetta “terra dei fuochi”.

Mattarella accolto da un lungo applauso è andato all’Itc Carli poi ha reso omaggio alla memoria di don Giuseppe Diana, ucciso mentre stava per celebrare la messa il 19 marzo 1994. “La mafia è violenza ma, anzitutto, viltà. I mafiosi non hanno nessun senso dell’onore né coraggio. Si presentano forti con i deboli. Uccidono persone disarmate, organizzano attentati indiscriminati, non si fermano davanti a donne e a bambini. Si nascondono nell’oscurità” ha detto il capo dello Stato.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Il Presidente ha poi aggiunto: “La Repubblica vi è vicina. Tutte le amministrazioni pubbliche devono far sentire con efficacia la loro presenza accanto ai cittadini. Insieme a tutte le espressioni della società civile. La politica sia autorevole nel dare risposte alle emergenze e ai problemi socio-economici dei territori”.

E rivolgendosi ai ragazzi dell’istituto Carli dove è stato accolto: “Dovete essere fieri di essere nati in questa terra, che ha saputo compiere questa vera, grande, rinascita. Dovete avvertire l’orgoglio di essere concittadini di Don Diana. Dovete rifiutare, fin dai banchi di scuola, la sopraffazione, la violenza, la prepotenza, il bullismo, che sono un brodo di coltura della mentalità mafiosa. Ricordate sempre che siete la generazione della speranza, quella a cui don Diana ha passato idealmente il testimone della legalità”. 

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

La manifestazione di Milano

A Milano torna la manifestazione nazionale organizzata da Libera e Avviso pubblico sotto l’Alto patronato della Presidenza della Repubblica con un corteo da corso Venezia fino in piazza Duomo dove parteciperanno oltre 500 familiari di vittime della mafia arrivate da tutta Italia. Al corteo prenderanno parte anche Don Luigi Ciotti, il sindaco di Milano Sala.

Quella contro la mafia non è una battaglia finita. Milano è ancora al centro di tanti interessi economici, e ciò è un bene ma questo attirerà anche tanti male intenzionati“, ha detto Sala. “Gli anticorpi che ci siamo fatti in questi anni, attraverso errori ed incertezze del nostro percorso, adesso ci aiuteranno – ha aggiunto -. In più quest’anno è anche il trentesimo anniversario della strage di via Palestro e il decimo anniversario delle esequie di Lea Garofalo, per noi importantissime“.

“È fondamentale ricordare tutte le vittime innocenti della violenza criminale mafiosa. È una giornata che noi abbiamo fortemente voluto, ma non dobbiamo neanche dimenticarci che l’80% di questi familiari non conosce la verità o ne conosce solo una parte”, ha detto don Luigi Ciotti.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 21 Marzo 2023 15:18

Naufragio Cutro: il mistero dello zaino pieno di soldi

nl pixel