"Mi disse che Giulia Tramontano voleva uccidersi": l'amante di Impagnatiello shock in aula
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

“Mi disse che Giulia Tramontano voleva uccidersi”: l’amante di Impagnatiello shock in aula

Giulia Tramontano

“L’altra donna” di Alessandro Impagnatiello in udienza sul caso dell’omicidio di Giulia Tramontano. Rivelazioni terribili sul killer.

Si è tenuta nella giornata odierna l’udienza per il caso dell‘omicidio di GIulia Tramontano, uccisa insieme al figlio che aspettava in grembo da Alessandro Impagnatiello, con l’intervento “dell’altra donna” del killer. Nel terzo appuntamento del processo, nuove rivelazioni scioccanti sono emerse sull’uomo e il suo comportamento.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Giulia Tramontano
Giulia Tramontano

Giulia Tramontano, l’udienza dell’amante di Impagnatiello

La richiesta per Alessandro Impagnatiello è sempre la stessa: “Ergastolo”. Il killer di Giulia Tramontano e del figlio che portava in grembo riceverà presto un giudizio dalle autorità che oggi hanno dato luogo ad un’altra udienza in cui è stata ascoltata “l’altra donna” dell’uomo.

L’amante di Impagnatiello ha tenuto subito a precisare: “All’inizio sapevo che Giulia viveva in casa con lui, ma da dicembre, gennaio scorso in poi mi diceva che non stavano più insieme. Quando l’ho conosciuto ero consapevole che era fidanzato, ma poi mi aveva detto che si erano lasciati, che non voleva più stare con lei e che non erano più felici nella relazione”.

La donna ha voluto sottolineare quando si sia accorta che, invece, la relazione tra Impagnatiello e Giulia stava andando avanti: “Solo la prima volta che sono andata a casa sua c’erano tracce di Giulia: c’erano foto e i suoi oggetti. Ho capito che Giulia c’era ancora quando erano andati in vacanza a Ibiza. Mi aveva detto che era andato da solo e invece dalle foto sul suo telefono ho visto loro due insieme in spiaggia”.

“Disse che Giulia voleva uccidersi”

Nelle dichiarazioni dell’amante del killer ulteriori dettagli orribili come il test del DNA falso a proposito della gravidanza della Tramontano: “Mi disse che quando Giulia era rimasta incinta non era il padre. Lui si era presentato con il test di dna che dimostrava il contrario, così poi gli ho creduto”.

Dopo aver scoperto, invece, che Impagnatiello mentiva, ecco altri dettagli orribili che coinvolto la compianta vittima: “Mi ripeteva che Giulia era mentalmente instabile e aveva minacciato di volersi uccidere. Mi aveva anche detto di aver contattato la sorella di Giulia, la quale aveva confermato che non stava bene e voleva uccidersi”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 7 Marzo 2024 13:17

Terrificante, padre tortura e uccide il proprio bimbo: “Un ammasso di carne, sangue e ossa”

nl pixel