Conte avverte l’Ue: Niente tagli a Quota 100 e Reddito di Cittadinanza

Giuseppe Conte avvisa l’Ue sulla situazione economica italiana: non sono previsti tagli a Quota 100 e Reddito di Cittadinanza. Il premier al lavoro con Tria.

Ancora in Vietnam per motivi istituzionali, il premier Giuseppe Conte ha voluto mandare un messaggio all’Ue. Da Bruxelles i Commissari hanno minacciato una procedura di infrazione per debito eccessivo (cos’è e come funziona la procedura) e hanno apertamente contestato sia la Quota 100 di Salvini che il Reddito di Cittadinanza di Di Maio.

Giuseppe Conte: Niente tagli a Quota 100 e Reddito di Cittadinanza

Di fronte al nemico europeo il Governo ha ritrovato unità e compattezza. Premier e vicepremier sono d’accordo sul fatto che non dovranno essere fatti tagli alle manovre simbolo del governo giallo-verde, ossia Quota 100 e Reddito di Cittadinanza. A ribadirlo è stato proprio lo stesso Giuseppe Conte, che aveva fatto sapere di essere la voce autorevole con cui l’Europa deve parlare. Oltre che ovviamente con il titolare del MEF Giovanni Tria.

“Il taglio a Quota 100 e reddito di cittadinanza non è assolutamente all’ordine del giorno […]. Lavoriamo con il Mef perché si prefigurano dei risparmi di spesa, visto che alcune somme erano state un po’ sovradimensionate”.

Giuseppe Conte
Roma 25/05/2018 – consultazioni Quirinale / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte

Conte esclude l’ipotesi di una manovra correttiva

Il premier Giuseppe Conte inoltre ha voluto far sapere che il governo non ha in programma alcuna manovra correttiva e che difficilmente l’Unione europea arriverà a chiederne una.

La convinzione di Lega e Movimento Cinque Stelle è che, attraverso il dialogo, si possa dimostrare all’Ue che la situazione italiana non è disperata come vogliono far credere e che l’andamento economico risulta essere positivo grazie alla politica espansiva messa in campo dal governo.

ultimo aggiornamento: 06-06-2019

X