La modifica del reddito di cittadinanza potrebbe portare anche a recuperare fondi da investire per la crisi energetica.

Il centrodestra è unito sull’intenzione di modificare il reddito di cittadinanza per evitare “i furbetti del reddito”. Questa modifica potrebbe arrivare anche nel breve tempo per recuperare fondi che servono al nuovo governo per far fronte alla crisi energetica. La legge di bilancio sarà il primo arduo compito che dovrà fronteggiare il governo Meloni in una delle situazioni economiche più complesse per il paese.

In prima battuta, il nuovo governo potrebbe togliere il reddito di cittadinanza al primo rifiuto di una proposta di lavoro. L’intenzione è proprio quella di ripensare il sistema di proposte di lavoro dato che il 20% dei percettori di Rdc lavora con impieghi precari e poco retribuiti. A segnalare problemi per questa misura non è solo la destra ma anche altre forze politiche perché la fase di ricerca non è mai stata attuata. La revisione del reddito di cittadinanza è uno dei temi su cui sono d’accordo i tre alleati del centrodestra e forse una delle misure che prima vedrà la luce.

Reddito di Cittadinanza
Reddito di Cittadinanza

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La reale modifica che arriverà con il governo Meloni

La revisione implica la sostituzione del reddito con sussidi di un altro tipo per le famiglie che si trovano in povertà assoluta. Ma questo sarà un percorso graduale. E se ci sarà un’abolizione, paventata da alcuni, non sarà per il prossimo anno. L’ipotesi più realistica è quindi una modifica al reddito, ovvero la revoca dopo il primo no a un’offerta di lavoro. Una misura di sostegno a chi è inabile al lavoro deve essere attuata anche dal prossimo governo, soprattutto con la crisi e l’inflazione che vede peggiorare la situazione economica delle famiglie italiane.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-10-2022


Governo: Meloni va da sola: “Prendere o lasciare” per gli alleati

Calenda sul Pd: “metà sta già con Conte”