A cosa serve il Green Pass Covid? Quando è necessario presentare la certificazione verde? Serve anche in zona Bianca?

Dal 1 giugno in Italia entra in vigore la certificazione verde o Green Pass Covid. Si tratta, come abbiamo visto in precedenza, del certificato che viene rilasciato in seguito alla vaccinazione, alla guarigione o ad un test con esito ovviamente negativo. Ma esattamente a cosa serve il Green Pass Covid? Quando dobbiamo esibirlo?

Cos’è la certificazione verde, quando viene rilasciata e quanto tempo vale

Si tratta di un documento (che può essere cartaceo o digitale sull’App Io) che viene rilasciato nel caso in cui:

il soggetto si sia vaccinato contro il Covid
il soggetto sia guarito dal Covid
il soggetto abbia un test negativo effettuato nelle 48 ore precedenti.

La certificazione verde dopo il vaccino

A differenza di quanto disposto in un primo momento, il certificato viene rilasciato anche dopo la somministrazione della prima dose del vaccino. Vale dal quindicesimo giorno dopo la prima somministrazione fino alla seconda somministrazione. A quel punto la validità è di nove mesi dalla data della seconda vaccinazione.

La guarigione dal Covid

La guarigione dovrà ovviamente essere certificata dalla Asl, dal medico di base o comunque da un medico. Non vale l’autocertificazione, serve un documento ufficiale. Per i guariti il pass è valido per sei mesi dalla fine dell’isolamento.

Il tampone con esito negativo

Il terzo e ultimo caso è quello del tampone con esito negativo effettuato nelle 48 ore precedenti. La validità è di 48 ore dal momento del prelievo.

Coronavirus
Coronavirus

Green Pass Covid: a cosa serve

Ma a cosa serve il Green Pass Italiano? La certificazione serve per prendere parte ai ricevimenti dopo le cerimonie civili o religiose (i banchetti per intenderci). Inoltre la certificazione consente di spostarsi anche per motivi di turismo tra regioni di colore arancione o rosso, fermo restando che al 1 giugno non ci sono regioni in queste zone.

La certificazione verde serve anche in zona Bianca. Senza pass non sarà possibile prendere parte a feste e banchetti.

Dal 1 giugno e fino a quando l’Europa non farà entrare in vigore il pass europeo, la certificazione verde non servirà per i viaggi all’estero. In questo caso i viaggiatori devono rispettare le regole in vigore nei singoli Paesi.

TAG:
primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 01-06-2021


Riaperture, le regole dal 1 giugno: cosa cambia

Ecco quando potremo togliere le mascherine (all’aperto)