Green Pass obbligatorio, come funzionano i controlli per tassisti, idraulici, elettricisti, colf e badanti: cosa bisogna fare.

Alla luce del nuovo decreto per l’estensione del Green Pass obbligatorio ai lavoratori, anche tassisti, idraulici ed elettricisti sono tenuti ad avere la certificazione verde. Il problema di fondo è legato ai controlli. In ufficio e in azienda il controllo avviene facilmente ai tornelli d’ingresso. Ma in taxi e a casa il controllo è decisamente meno agevole e pratico.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

I controlli nelle aziende e negli uffici

In azienda e in ufficio, come detto il controllo è agevole. Entro il 15 ottobre i responsabili dovranno individuare i responsabili dei controlli e dovranno stabilire le modalità. È possibile ad esempio richiedere il Green Pass all’ingresso o procedere con controlli a campione. I lavoratori dipendenti di ditte esterne dovranno mostrare la certificazione verde all’ingresso, ad esempio.

GREEN PASS
GREEN PASS

Il Green Pass in taxi

I controlli diventano decisamente più complicati per i professionisti che non lavorano in una sede fissa, come ad esempio un ufficio o una fabbrica. Un esempio è quello dei tassisti, che devono avere il Green Pass. Ma chi controlla? I controlli spettano alla società alla quale il tassista fa capo. Il cliente non è tenuto a controllare la certificazione del tassista ma può chiedere che gli venga mostrata. Nel caso in cui il tassista ne sia sprovvisto, il cliente è libero di scegliere un altro taxi.

Idraulici, elettricisti ma non solo: il Green Pass a casa

Un altro caso delicato è quello dei professionisti che lavorano nelle case, come ad esempio elettricisti e idraulici ma anche colf, badanti e baby sitter. Il compito di effettuare i controlli ovviamente non spetta al cliente. Nel caso in cui il lavoratore sia un dipendente, i controlli spettano alla società di riferimento. Il cliente però può chiedere che gli venga mostrato il Green Pass e nel caso in cui il lavoratore ne sia sprovvisto può annullare la chiamata e non farlo entrare in casa. Siamo di fronte ad una dinamica sicuramente antipatica.

coronavirus governo Draghi

ultimo aggiornamento: 18-09-2021


Afghanistan, l’appello del commissario Onu al Pakistan: “Accogliete i rifugiati”

Covid, allarme a scuola: centinaia di classi già in Dad. Si pensa alle micro bolle, ma il sistema può essere pericoloso