La circolare del Viminale sul Green Pass e sulle regole sui controlli legati al documento di identità delle persone.

Il Viminale prova a chiudere a discussione sui controlli del Green Pass con una circolare che si concentra soprattutto sulla verifica dell’identità delle persone attraverso il documento: le regole erano incerte e hanno sollevato le polemiche. Il decreto del 22 luglio specificava che la verifica del Green Pass era a carico dei gestori dei locali. Il problema era nato dal fatto che l’applicazione per la verifica della certificazione verde chiedeva, come atto conclusivo, di verificare l’identità dell’utente per accertarsi che il soggetto fosse effettivamente il proprietario della certificazione. Cosa che senza documento di identità non è possibile stabilire. In un primo momento la ministra Lamorgese aveva specificato che la verifica del documento era compito delle forze dell’ordine. Il Garante ha smentito la ministra dicendo che i gestori dei locali possono chiedere il documento di identità per la verifica. Il Viminale ha poi sintetizzato le regole sui controlli del Green pass con una circolare comunque destinata a far discutere.

Di seguito il video con le regole sul Green pass dal 6 agosto

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

La circolare del Viminale

I gestori dei locali sono obbligati a chiedere il green pass ai clienti, ma non il documento di identità. Possono farlo in caso di palese violazione“. In poche parole, se il green pass, alla verifica, dovesse essere presentato da un uomo ma essere a nome di una donna, il gestore del locale avrebbe tutto il diritto di chiedere il documento. Esempio in qualche modo assurdo ma calzante. Anche perché il problema si sposta sulla definizione di “palese violazione“. Cosa si intende per palese violazione? La definizione sembra lasciar ampio margine all’interpretazione.

Luciana Lamorgese
Luciana Lamorgese

Green Pass obbligatorio e documento di identità: le regole sui controlli

Riassumendo le regole per i controlli del green pass, i gestori o il personale addetto dei locali devono controllare la certificazione verde prima di far accedere le persone nel locale. La verifica dell’identità attraverso un documento, per quanto riguardai gestori dei locali, è discrezionale. Esiste la possibilità ma non c’è l’obbligo. La verifica diventa necessaria di fronte ad una evidente violazione, ossia, specifica il Viminale, “quando appaia la manifesta incongruenza con i dati anagrafici contenuti nella stessa certificazione“.

Nel decreto del 22 luglio il governo specifica che “i titolari o i gestori dei servizi e delle attività autorizzati previa esibizione del Green pass sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni. In caso di violazione può essere elevata una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni“.

GREEN PASS
GREEN PASS

Le sanzioni

Per quanto riguarda i controlli, il Viminale specifica che “qualora si accerti la non corrispondenza fra il possessore della certificazione e l’intetatario della medesima, la sanzione si applica solo all’avventore, laddove non siano riscontrabili palesi responsabilità a carico dell’esercente“.

Quando è obbligatorio il Green Pass

Dal 6 agosto il Green Pass è obbligatorio per:

Servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso;
Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;
Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
Sagre e fiere, convegni e congressi;
Centri termali, parchi tematici e di divertimento;
Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;
Sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò.

primo piano

ultimo aggiornamento: 11-08-2021


11 agosto, la Costituzione di Weimar entra in vigore

Stangata di Ferragosto, aumenta il prezzo della benzina