Il piano del governo per eliminare le restrizioni contro il Covid19 passa per il green pass che sarà rimodulato e non più rafforzato.

Il 31 marzo finisce lo stato di emergenza che il governo ha deciso di non prorogare. Il green pass non sarà necessario per bar e ristoranti all’aperto e gradualmente anche per uffici pubblici. In seguito, sarà la volta di cinema e teatri, bar al chiuso mentre per i luoghi di lavoro si prevede fino a giugno l’obbligo di certificazione verde. Dal 1 aprile non sarà necessario il green pass nemmeno per salire su treni e arei.

La situazione epidemiologica è molto positiva da più di un mese i contagi sono in netto calo così come si stanno svuotando le terapie intensive. Ma negli ultimi giorni si sta registrando una battuta d’arresto alla discesa dei contagi. Questo ha fatto rallentare anche le decisioni del governo sulla road map per l’eliminazione delle restrizioni.

Green Pass
Green Pass

Mentre alcuni partiti, soprattutto il centrodestra, chiedono di eliminare in modo completo la certificazione ma il governo vuole andarci cauto e fare un percorso a tappe. L‘obbligo vaccinale per gli over 50 sarà in vigore ancora dopo la fine dello stato di emergenza e durerà almeno fino al 15 giugno così come l’obbligo di green pass a lavoro. In estate si dovrebbe arrivare con una completa eliminazione del green pass per tutte le attività e andare verso un’estate libera tornata alla normalità.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-03-2022


Centrale nucleare di Chernobyl disconnessa

Matteo Renzi condannato dalla Corte dei Conti