Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri parla del decreto Ristori ter: “Perché l’Italia del dopo Covid sia migliore, più forte e più giusta”.

Il giorno dopo l’approvazione in Cdm del decreto Ristori ter, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha illustrato le misure principali contenute nel nuovo decreto con un lungo post condiviso sulla propria pagina Facebook.

Gualtieri, “Con decreto Ristori Ter si alimento con 1,5 miliardi i fondo per i ristori destinati a categorie costrette a chiudere nelle Regioni che cambiano fascia”

Con il Decreto RistoriTer si alimenta con 1,5 miliardi di euro di risorse già disponibili il Fondo che consente di finanziare in modo automatico, rapido ed efficiente, le misure di ristori destinate alle categorie costrette a chiudere, nelle regioni che cambiano di fascia a causa della recrudescenza del virus“, scrive il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri commentando le misure contenute nel decreto Ristori ter.

La dotazione complessiva sale in questo modo a 1,84 miliardi che serviranno a erogare i contributi a fondo perduto, ma anche per altre misure previste dai precedenti decreti ristori tra cui il credito di imposta sugli affitti commerciali, il congedo parentale e il bonus baby sitter”, specifica il Ministro dell’Economia.

Roberto Gualtieri
Roberto Gualtieri

Lo scostamento di bilancio

Gualtieri ha poi parlato anche del nuovo scostamento di bilancio da 8 miliardi, utile a rafforzare le misure a sostegno dell’economia.

Anche le risorse provenienti dal nuovo scostamento di bilancio, pari a 8 miliardi, serviranno a rafforzare le misure di sostegno economico, a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie, per i settori più colpiti da qui alla fine dell’anno, attraverso un decretoRistoriQuater che sarà adottato subito dopo il voto del Parlamento“.

Roberto Gualtieri
Roberto Gualtieri

Gualtieri: “Faremo tutto quello che serve per sostenere famiglie e imprese italiane”

“Lo abbiamo detto e lo stiamo mettendo in pratica: senza tentennamenti, faremo tutto quello che serve per sostenere famiglie e imprese italiane, tutelare l’occupazione. Ed andremo avanti con determinazione su questo sentiero di cura e solidarietà finché non supereremo questa sfida epocale, che sono sicuro riusciremo a vincere se manterremo tutti uno spirito di collaborazione, coesione e responsabilità.

Al tempo stesso, con la Legge di Bilancio e il Recovery Plan, predisponiamo un’ambiziosa strategia di rilancio e di trasformazione dell’Italia incentrata su investimenti, lavoro, welfare e istruzione, e orientata all’innovazione, alla sostenibilità, alla coesione e all’equità. Perché l’Italia del dopo Covid sia migliore, più forte e più giusta, conclude Gualtieri.


Emergenza coronavirus in Italia, approvato il decreto Ristori ter

Nuovo passo verso la fusione Fca-Psa