La Guardia Costiera libica spara contro un gruppo di migranti durante le operazioni di sbarco. 3 morti.

Mentre l’Italia è alle prese con l’emergenza migranti, arriva la notizia dell’uccisione di tre persone da parte degli uomini della Guardia Costiera libica, da tempo al centro delle polemiche.

Guardia Costiera libica uccide tre migranti durante le operazioni di sbarco

La notizia arriva dall’Oim, Organizzazione internazionale per le migrazioni, che segnala la morte di tre migranti del Sudan e il ferimento di altre cinque persone in una sparatoria avvenuta durante le operazioni di sbarco.

Stando alla ricostruzione, il gruppo di migranti è stato intercettato in mare dagli uomini della Guardia Costiera libica che li hanno riaccompagnati al porto. Tornati sulla terraferma, alcuni migranti avrebbero provato a fuggire. Per questo i militari avrebbero aperto il fuoco causando il decesso di due persone.

I cinque migranti sono stati trasportati in ospedale. Per tre di loro non c’è stato nulla da fare. Le persone sopravvissute sono state trasferite nei centri di detenzione libici.

Di seguito il tweet condiviso sul profilo ufficiale IOM.

Il caso della Libia

Il caso riapre la questione libica. Secondo le organizzazioni internazionali, la Libia non deve essere considerato un porto sicuro e bisogna evitare che le persone che riescono a fuggire siano nuovamente portate nel Paese. L’OIM ha chiesto all’Europa di reagire di fronte all’eccessivo uso della violenza da parte delle autorità libiche.

Al momento per l’Italia l’emergenza migranti è legata alla Tunisia, da dove migliaia di persone hanno preso il mare verso l’Europa, e la penisola è una tappa intermedia facile da raggiungere.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza migranti Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 28-07-2020


Chi è Maria Grazia Pradella, il Procuratore del caso dei carabinieri di Piacenza

Migranti, sbarchi e fughe: è emergenza