Sarebbe emersa una disponibilità di Mosca ad accettare la mediazione di papa Francesco per un dialogo di pace. Interviene il cardinale.

In occasione dell’udienza generale, il papa ha tenuto un discorso sulla gravità della situazione in Ucraina, causata dalla guerra. L’invito del papa ai suoi fedeli è di continuare a pregare: “Non dimentichiamo di pregare, di continuare con la preghiera per la martoriata Ucraina. Il Signore protegga quella gente e ci porti tutti sulla strada di una pace duratura”.

Nella giornata di ieri, sarebbe emersa una disponibilità di Mosca ad accettare la mediazione del Pontefice per un dialogo di pace. Lo stesso leader francese Emmanuel Macron avrebbe sollecitato affinché si svolgesse l’incontro.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Pietro Paolin: “Mosca? Se c’è una piccola apertura, ne approfitteremo”

Il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, durante un’intervista rilasciata ai giornalisti a margine di un evento promosso da Avsi, ha condannato la guerra definendola non una soluzione, bensì distruzione.

Papa Francesco

Le parole di Pietro Parolin, segretario di Stato della Santa Sede, intervenuto all’evento Avsi ‘Beyond development, the future we want’: “Mosca? Se c’è una piccola apertura ne approfitteremo. Cosa deve ancora succedere, quanto sangue deve ancora scorrere prima di capire che la guerra non è mai una soluzione, ma solo distruzione? In un’epoca in cui si arriva a minacciare anche la distruzione totale con una guerra nucleare, è urgente riproporre un cammino capace di portare alla pace attraverso lo sviluppo umano e che possieda carattere morale e pieno rispetto della persona, e presti attenzione al grido della terra e dei poveri”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 26-10-2022


Cisgiordania: esercito israeliano uccide 6 palestinesi

Uk: il nuovo governo di Rishi Sunak