Ancora timore su un possibile attacco nucleare in Ucraina da parte dei russi, aperta ancora la questione con la GB.

I vertici di Mosca hanno ipotizzato l’uso di armi nucleari tattiche in Ucraina, come riferiscono funzionari statunitensi citati dal New York Times, anche se non tutti credono all’effettiva probabilità che questo possa accadere. Intanto l’ambasciatore Gb sarà convocato al ministero degli Esteri russo per chiarimenti sul ruolo degli specialisti britannici negli attacchi di Kiev alla Flotta russa in Crimea.

guerra ucraina carroarmati trasporto
guerra ucraina carroarmati trasporto

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’ipotesi di una guerra nucleare

I leader militari russi sono stati intercettati dall’intelligence Usa: al New York Times i funzionari statunitensi dichiarano che i vertici russi hanno discusso l’ipotesi di utilizzare armi nucleari in Ucraina. “Queste conversazioni hanno allarmato l’amministrazione Biden perché dimostrano il livello di frustrazione di Mosca di fronte alle sconfitte sul campo in Ucraina”.

Secondo il Presidente Volodymyr Zelensky, però, non è necessario temere la Federazione Russa perché “la Russia preferisce fare il contrario di ciò che dichiara”. Intanto John Kirby, portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, spiega ai giornalisti che si monitorano i passi di Mosca “e non vediamo indicazioni che la Russia sta facendo preparativi per l’uso di armi nucleari”. Anche Johnson non crede a questa possibilità da parte di Putin.

I rapporti con Gran Bretagna e Accordo sul grano

Resta ancora aperta la questione degli attacchi sulla Flotta Russa avvenuta in Crimea, di cui è stata accusata complice di Kiev la Gran Bretagna. A tal proposito, l’ambasciatore Gb sarà convocato al ministero degli Esteri russo per chiarimenti sul ruolo degli specialisti britannici, i quali potrebbero essere stati causa integrante anche danneggiamento del gasdotto Nord Stream.

Nonostante l’ultimo annuncio della Russia per quanto riguarda la sospensione dell’accordo sull’export di grano ucraino, pare che adesso Mosca sia rientrata nell’accordo dopo la mediazione di Ankara: Putin avrebbe ricevuto garanzie scritte dall’Ucraina sull’inammissibilità dell’uso del corridoio dei cereali per azioni militari contro la Russia. Otto navi partiranno domani dai porti dell’Ucraina.

Attacchi in Ucraina

Stamattina in Ucraina sono stati segnalati attacchi aerei in sette regioni diverse: l’allerta ha riguardato le regioni di Dnipropetrovsk, Poltava, Cherkassy, Kirovograd, Mukolaiv, Kharkiv e la parte della regione di Zaporizhzhia controllata da Kiev. L’esercito russo avanza nelle direzioni Bakhmut, Avdiivka e Novopavliv, nel Donetsk, secondo lo Stato Maggiore delle forze armate ucraine.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-11-2022


Energia: Eni aumenta la produzione di biocarburanti

Governo Meloni, medici no vax tornano in servizio