"Ho visto il mio stupro in un video": il racconto shock
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

“Ho visto il mio stupro in un video”: il racconto shock

abuso sessuale su una ragazza

Il racconto orribile di una delle vittime del netturbino Ubaldo Manuali. Gli abusi e le violenze subite viste anche in un video.

Sono state attirate nella sua trappola e poi drogate per essere rese “inoffensive”. Si torna a parlare degli abusi da parte di Ubaldo Manuali, il netturbino stupratore che ha agito ai danni di più donne che, ora, sono state chiamate a testimoniare davanti ai giudici riguardo quanto vissuto. Le vittime di stupro, le prime due almeno, hanno raccontato quanto accaduto. Parole e lacrime davvero scioccanti.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

abuso sessuale su una ragazza

Il netturbino e lo stupro ai danni di due donne

Dopo la denuncia della varie vittime riguardo a quanto subito da parte di Manuali, le prime due donne che hanno subito gli abusi da parte del netturbino si sono ritrovate a testimoniare davanti ai giudici del tribunale di Viterbo. Secondo l’accusa, dopo aver adescato le sue vittime, l’uomo le avrebbe narcotizzate e, mentre erano incoscienti e inermi per i sonniferi presi a loro insaputa, le ha stuprate, fotografate e filmate. Proprio tali immagini, che Manuali avrebbe inviato anche ad amici, sono ritenute dal pm Michele Adragna prova regina degli abusi.

Il racconto delle vittime

La prima donna a parlare ai giudici di quanto accaduto è stata la 49enne romana che ha fatto scattare le indagini della polizia. La vittima ha spiegato quanto successo il 15 gennaio 2023: “Quella sera lui è venuto a cena a casa mia, dopo aver insistito a lungo. Mi ha detto di brindare, così ho dato un paio di sorsate ma dalla seconda non ricordo più nulla. Mi sono svegliata verso le 4/4,30 e stavo male. Ho provato ad alzarmi ma non riuscivo a stare in piedi e sono ricrollata”.

Successivamente la donna è andata in ospedale dove “hanno trovato tracce di benzodiazepine nel sangue”.

Tragico, il racconto della seconda vittima, una donna di Frosinone: “Avevo la parte inferiore completamente nuda. Nel filmato, che sono riuscita a vedere solo dopo 5 ore perché mi sono sentita male e piangevo a dirotto, si sentono i miei lamenti, che non riesco più a togliermi dalla testa e che mi porterò fino alla morte, e si susseguono i movimenti di Manuali. Quel filmino l’ha anche mandato in giro, e mi fa rabbia”.

Da quanto si apprende, le prime due donne si sono costituite parte civile insieme ad una terza vittima. Quest’ultima, di Capranica, sarà sentita alla prossima udienza prevista per il 12 marzo.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 15 Febbraio 2024 11:46

Liliana Resinovich, il marito svela tutto sulla “matassa di cordino”

nl pixel