Liliana Resinovich, il marito svela tutto sulla "matassa di cordino"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Liliana Resinovich, il marito svela tutto sulla “matassa di cordino”

corpo morto in un sacco

Dopo la riesumazione del corpo di Liliana Resinovich, il marito Sebastiano Visintin è tornato a parlare della morte della donna.

Il caso di Liliana Resinovich è tornato ad essere al centro della cronaca. Nelle scorse ore la riesumazione del corpo al fine di procedere con nuovi esami che possano aiutare a capire come la donna sia effettivamente deceduta. In questo senso, a ‘Chi l’ha visto?’ su Rai3 è intervenuto il marito, Sebastiano Visintin, che ha ripercorso alcuni momenti di quelle ore terribili andate in scena tra la sparizione della donna (il 14 dicembre 2021) e il suo ritrovamento (il 5 gennaio 2022).

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

corpo morto in un sacco

Liliana Resinovich: il marito e la verità sul cordino

Intervenuto su Rai3 a ‘Chi l’ha visto?’, il marito della compianta Liliana ha commentato il suo stato emotivo facendo riferimento al ritrovamento del corpo della moglie: “Quando è stato rinvenuto il corpo di Liliana le cose sono state fatte male, ci hanno colpito. Noi non siamo mai riusciti ad avere il video dei rilievi, abbiamo fatto richiesta ma non è stato possibile”.

Rivelazione importante anche per quanto riguarda il cordino che stringeva i sacchetti di nylon dove era infilata la testa della donna. In tal senso Visintin ha detto: “Quando ho trovato in casa una matassa di cordino potevo buttarla via. Invece ho sentito il dovere di consegnarla agli inquirenti”.

Il rapporto con l’amico Claudio Sterpin

Tra gli aspetti importanti relativi alla morte di Liliana Resinovich anche il rapporto tra la donna e l’amico Claudio Sterpin. In questo senso, Visintin ha dichiarato che “la storia d’amore era solo dalla parte di Claudio. Bisogna vedere se lei era d’accordo. Io sono convinto di no, altrimenti lei me l’avrebbe detto”.

Di rilievo pure il commento sul blocco al telefono per il numero proprio di Sterpin: “Liliana mi diceva che riceveva spesso strane telefonate, in cui si sentiva ansimare. Quando ho visto il numero ho richiamato e ho sentito solo respirare, per cui l’ho bloccato”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 15 Febbraio 2024 14:16

Uccide la figlia e poi si ammazza: il terribile gesto di un padre

nl pixel