I cinque gol più belli di Gianni Rivera con la maglia del Milan

Il palmares di Gianni Rivera in rossonero è davvero ricco: tanti trofei, italiani e internazionali, senza dimenticare il Pallone d’Oro del 1969.

chiudi

Caricamento Player...

Con 164 reti a referto, Gianni Rivera è il terzo marcatore di sempre della storia del Milan (meglio di lui, in termini di gol, hanno fatto solo Gunnar Nordahl e Andriy Shevchenko). Nelle diciannove stagioni in rossonero, il Golden Boy ha regalato ai suoi tifosi alcune perle di rara bellezza. Ecco la nostra personale Top Five.

I cinque gol più belli di Gianni Rivera con il Milan

4 febbraio 1968, il Milan di Nereo Rocco ospita il Napoli a San Siro. Al nono minuto di gioco, Gianni Rivera porta in vantaggio i padroni di casa con un gol di pregevole fattura. Dopo aver iniziato l’azione a metà campo, il dieci rossonero si fionda in area, riceve palla in area da Sormani, controlla con il destro e inchioda Dino Zoff con un preciso mancino di controbalzo.

Gennaio ’76, quattordicesima giornata di campionato: il Milan stende 3-0 la Lazio al Meazza. Il terzo gol è di Gianni Rivera, che al tramonto del match, ben servito in area, batte il portiere Pulici con un elegante pallonetto ravvicinato. È la rete del 3-0.

Serie A 1972-73, il Milan è di scena al Comunale di Torino: Gianni Rivera, con una rete al 76esimo, salva il Milan dalla sconfitta contro la Juventus. Cross in mezzo dalla destra e colpo di testa vincente del dieci milanista, che stacca tra i difensori bianconeri spedendo il pallone alle spalle di Zoff.

4 marzo 1973, il Milan espugna 3-0 il Menti di Vicenza. Ad aprire le marcature – guarda un po’ – è Gianni Rivera, che alla mezzora si mette in proprio, realizzando un gol da urlo. Il Golden Boy recupera palla, salta un avversario, ne aggira un altro, entra in area e batte il portiere avversario con un tiro chirurgico all’angolino.

Ottobre 1967, alla quinta giornata di campionato va in scena il derby di Milano. L’Inter del mago Herrera è in vantaggio, ma al minuto 78 Gianni Rivera riequilibra il match con il gol del definitivo 1-1: traversone dalla sinistra e splendida conclusione al volo del fuoriclasse rossonero, che da posizione defilata batte Sarti con un potente esterno destro di controbalzo.