Milano Finanza, la lista dei più ricchi della Borsa. Del Vecchio al primo posto, solo dodicesimo Berlusconi. In calo la famiglia Benetton.

Dalle colonne di Milano Finanza arriva la classifica dei più ricchi della Borsa, che vede al primo posto Leonardo Del Vecchio, che per l’ottavo anno consecutivo si conferma in cima alla classifica dei Paperoni della Borsa, come sono stati ribattezzati.

I più ricchi della Borsa

Milano Finanza fornisce, per gli amanti delle statistiche ma non solo, la classifica dei più ricchi della Borsa.

Del Vecchio al primo posto

Per l’ottavo anno consecutivo la classifica è guidata da Leonardo Del Vecchio, che con i suoi 18,94 miliardi comanda la graduatoria e si conferma ai vertici.

La seconda posizione

Per la prima novità rispetto al 2019 basta scendere di una posizione, dove troviamo la famiglia Agnelli-Elkann e la famiglia Nasi, che vanno a migliorare la propria posizione.

Il terzo posto

Sul gradino più basso del podio, grazie a una crescita considerevole ed esponenziale, troviamo Miuccia Prada e Patrizio Bertelli.

La famiglia Benetton

La famiglia Benetton scende al settimo posto della classifica, complice soprattutto il caso legato ad Atlantia e allo scontro con il governo.

La famiglia Berlusconi

Solo dodicesima la famiglia Berlusconi, che resta così fuori dalla TOP 10 con o suoi 2,62 miliardi.

Silvio Berlusconi
An Milano 09/05/2014 – arrivo di Silvio Berlusconi alla Fondazione Sacra Famiglia per lo svolgimento dei servizi sociali stabiliti dal Tribunale / fotoAndrea Ninni/Image nella foto: Silvio Berlusconi

Gli effetti del Coronavirus

Inevitabilmente il coronavirus ha avuto effetti considerevoli anche sulle finanze dei Paperoni della Borsa. Il patrimonio dei cinquecento soggetti in analisi ha fatto registrare un sensibile calo rispetto al 2019 passando da 130 a 119 miliardi di euro.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
economia evidenza Leonardo Del Vecchio Silvio Berlusconi

ultimo aggiornamento: 16-08-2020


Germania, riaprono le case chiuse. Ancora vietati i rapporti completi

Un errore matematico ci spinge a sottovalutare l’emergenza coronavirus