Dopo che la Russia ha bloccato l’accesso a Facebook e Twitter, le ricerche su Internet per aggirarlo sono aumentate

Nell’ultima settimana le VPN sono state molto richieste in Russia. Le ricerche su Internet per i servizi VPN nel paese sono quasi raddoppiate tra il 4 marzo e il 10 marzo rispetto alla settimana precedente, secondo Top10VPN, una società britannica che esamina e consiglia i servizi di rete privata. Ci sono state almeno 260.000 ricerche solo il 5 marzo, il giorno dopo il divieto di Facebook.

“Sostituendo il loro indirizzo IP russo con quello del server remoto, che in genere si trova in un altro paese, l’utilizzo di una VPN significa che i russi possono accedere ai servizi Internet che stanno bloccando il traffico russo”, afferma Simon Migliano, capo della ricerca presso Top10VPN.

Se è ampiamente percepito che l’Ucraina sta vincendo la guerra dell’informazione, all’interno della Russia la battaglia riguarda, in parte, la visualizzazione di contenuti prodotti al di fuori dei suoi confini. In risposta a una mossa per limitare l’accesso al suo servizio nel paese, Twitter questa settimana ha lanciato una nuova versione protetta dalla privacy del suo sito in modo che i russi possano accedervi più facilmente. Venerdì, i pubblici ministeri russi hanno aumentato la pressione sui social media occidentali passando a designare Meta di Mark Zuckerberg, proprietario di Facebook, Instagram e WhatsApp, come “organizzazione estremista”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-03-2022


Cos’è il crimine di guerra e cosa rischia Vladimir Putin

Oligarca Russo farà causa alla UE !