Colosseo. Il bagarino all'agente: "I bravi poliziotti stanno zitti"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Colosseo. Il bagarino all’agente: “I bravi poliziotti stanno zitti”

Colosseo. Il bagarino all’agente: “I bravi poliziotti stanno zitti”

Nonostante le nuove norme per limitarne le azioni, i bagarini continuano ad agire nella Capitale, sotto lo sguardo della Polizia.

“Nella piazza del Colosseo ci sono tantissimi bagarini che vendono tour salta fila, con i promoter che procacciano i clienti. Esistono posizioni strategiche, dove questi vanno a piazzarsi: dietro l’arco di Tito, all’arco di Costantino, alla metro e davanti al Colosseo. Tutti lo sanno e nessuno fa niente”, parola di Paolo (nome di fantasia), il Tour Operator che lavora nei pressi del sito e che, interpellato sull’argomento, ha espresso il desiderio di restare anonimo.

Poche settimane fa, con l’ausilio di una telecamera nascosta, la redazione di Fanpage.it ha continuato a documentare come agisce il bagarinaggio al Pantheon. Lo schema è specchiato dal bagarinaggio del Colosseo: una persona è incaricata di adescare i visitatori nei pressi del sito, al fine di rivendere loro biglietti a prezzo maggiorato. La polizia però, quando presente, sembra risultare assente.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Roma
Roma

Le parole di Paolo (nome di fantasia)

“La polizia fa finta di niente e addirittura li saluta. Si conoscono tutti tra polizia e bagarini”, dice Paolo. “Le forze dell’ordine che presidiano l’area, hanno deciso di avere una convivenza pacifica: fare finta di non vedersi. In questo modo lavorano tutti e quando ci sono i controlli, i bagarini continuano a fare il proprio lavoro con i badge al collo, anche a qualche metro dalla polizia”.

In un video ricreato da Fanpage.it, è possibile visionare una conversazione tra un bagarino e le forze dell’ordine. Il bagarino, rivolgendosi a uno degli agenti, dice: “Quelli veramente gentili sapete che fanno? Sanno tutto, vanno un po’ là e un po’ lì e stanno zitti”. Tali parole, fanno eco a quanto esattamente già espresso da Paolo. La polizia capitolina ha organizzato una task force ad hoc, allo scopo di monitorare aree nevralgiche, come il Pantheon, Fontana di Trevi e il Colosseo. A seguito delle task comunque, non sembra esser cambiato molto.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2022 15:17

Copasir a Presidenti Camere: “Rischio di hackeraggio dei Parlamentari”

nl pixel