Il mercato del noleggio auto in Italia: le tendenze
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Il mercato del noleggio auto in Italia: le tendenze

auto utilitarie

Una panoramica dettagliata sulle tendenze attuali e future del settore noleggio auto e veicoli di vario genere.

Il settore del noleggio auto in Italia sta mostrando segni di vitalità e adattamento alle nuove esigenze del mercato, nonostante il contesto economico e le sfide normative.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

parcheggio auto
parcheggio auto

Panorama attuale del mercato auto

Il 2023 ha registrato una crescita significativa nelle vendite di automobili, con un aumento del 19% rispetto al 2022, totalizzando 1.575.000 unità vendute contro 1.325.000 dell’anno precedente. Tuttavia, questi numeri sono ancora lontani dai picchi pre-COVID, mancando all’appello circa 350.000 unità rispetto al 2019, e ben lontani dal record di 2,5 milioni del 2007. Questa discrepanza è attribuita al calo del reddito medio reale degli italiani e all’aumento dei costi delle auto, aggravati dalle stringenti normative europee sulle emissioni inquinanti. Ciononostante, il 2023 ha visto un consolidamento delle auto ibride, che ora rappresentano il 42% del mercato, principalmente grazie ai modelli mild e full hybrid a benzina.

Evoluzione e sfide del noleggio auto

Il settore del noleggio auto ha superato la crisi dei microchip e componenti, con un 2023 florido che ha portato il giro d’affari a 14 miliardi di euro. Il mercato ha toccato il record d’immatricolazioni con 525.000 unità acquistate dalle società di noleggio, pari al 30% di tutti i veicoli registrati in Italia. Di rilievo è la crescita del noleggio a lungo termine, spesso associato alle auto aziendali, che ha visto un incremento del 23,6% tra il 2022 e il 2023.

Il primo trimestre del 2024 conferma questa tendenza positiva, con un aumento del 5,46% rispetto allo stesso periodo del 2023. Tuttavia, il settore del noleggio a lungo termine sta risentendo del ritardo nell’erogazione degli ecoincentivi, con un calo del 7,98%. Le aziende, in attesa di sconti statali più generosi, hanno rallentato il rinnovo delle flotte, ancora dominate dal diesel (52% del totale). I veicoli ibridi hanno guadagnato terreno, salendo al 22% del totale, con un aumento di 6 punti percentuali rispetto al 2022. Anche le plug-in e le elettriche stanno lentamente aumentando la loro quota di mercato.

Infine, il noleggio a breve termine è vivacizzato dalla ripresa del turismo post-pandemia, con sei noleggi su dieci che avvengono negli aeroporti, dimostrando una preferenza crescente per soluzioni di mobilità flessibili e temporanee.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2024 16:12

Il futuro della mobilità in Europa, shock: le proposte della Fia verso le elezioni Europee

nl pixel