Milan, l’idea Badelj non tramonta. Rodrigo Ely si avvicina all’Alaves

Il centrocampista della Fiorentina ha cambiato procuratore: Milan Badelj passa sotto Lucci, agente di Montella, Bonucci e Suso. Il difensore italo-brasiliano può tornare all’Alaves a titolo definitivo.

chiudi

Caricamento Player...

L’attività di calciomercato del Milan è entrata in una fase di calma apparente, dopo i tanti botti piazzati dal duo Fassone-Mirabelli. Tralasciando per un attimo la questione attaccante, le manovre del management rossonero sembrano al momento concentrarsi sul centrocampo. Renato Sanches è in cima alla lista dei desideri ma è una trattativa complessa mentre Sosa si avvicina alla cessione, dato che Montella ha fatto intendere chiaramente che il “Principito” non è nei piani tecnici del futuro. Rimane da valutare quello di Montolivo: il capitano del Milan sarà inevitabilmente chiuso dall’arrivo di Biglia (investimento da 20 milioni, ndr) e in più c’è un certo Locatelli in rosa.

Novità sul fronte Badelj

La notizia trapelata poche ore fa sul conto del centrocampista della Fiorentina potrebbe avere importanti riflessi: il croato classe ’89 ha infatti cambiato procuratore, entrando a far parte della scuderia di Andrea Lucci, l’agente che cura gli interessi dei vari Montella, Bonucci e Suso. Resta da capire se la mossa di Badelj è in vista di un rinnovo di contratto con i toscani (scadenza 2018, ndr) o, più probabilmente, per trattare la cessione. In questo caso, la pista che porta al Milan tornerebbe a essere calda: Montella stima molto il 28enne, il quale è in grado di giocare sia in una mediana a tre sia con due centrali.

Cessione in difesa

Nei prossimi giorni il Milan potrebbe chiudere con il Torino per Gabriel Paletta, indipendentemente dal discorso Belotti. Il quale, peraltro, sembra chiuso. Tra i difensori tesserati da via Aldo Rossi c’è anche Rodrigo Ely sul piede di partenza: l’italo-brasiliano, dopo il prestito all’Alaves, è in procinto di trasferirsi nella Liga a titolo definitivo. Ai rossoneri dovrebbe andare un indennizzo tra i 2 e i 3 milioni.