Decine di migliaia di persone si uniscono a manifestazioni in tutto il mondo a sostegno dell’Ucraina

I manifestanti si sono radunati nelle città di tutta Europa, Stati Uniti e Sud America per chiedere la fine dell’invasione russa.

Decine di migliaia di persone hanno manifestato in città tra cui Santiago, Vancouver, Parigi e New York a sostegno dell’Ucraina , chiedendo la fine dell’invasione russa.

I manifestanti si sono radunati sabato contro l’attacco del presidente russo Vladimir Putin, iniziato il 24 febbraio con un’escalation dei bombardamenti.

Circa 41.600 persone hanno manifestato in 119 proteste in paesi e città di tutta la Francia , secondo le stime del ministero dell’Interno. Nella stessa Parigi, 16.000 si sono radunati a Place de la Bastille.

“Nonostante la sofferenza, vinceremo, ne siamo sicuri”, ha detto Nataliya, una franco-ucraina con la bandiera ucraina blu e gialla drappeggiata sulle spalle, alla protesta di Parigi.

Ha rifiutato di fornire il suo nome completo a causa delle preoccupazioni per la sicurezza di suo figlio in Ucraina. “Siamo orgogliosi del loro coraggio, della loro determinazione”, ha aggiunto.

“Saremo qui ogni fine settimana, a Parigi o altrove, fino a quando Putin non se ne andrà, ritirerà i suoi carri armati”, ha detto Aline Le Bail-Kremer, membro di Stand With Ukraine, uno degli organizzatori della protesta.

Una delle più grandi manifestazioni per chiedere il ritiro delle truppe russe dall’Ucraina il decimo giorno dell’invasione si è svolta a Zurigo, dove gli organizzatori stimano che abbiano preso parte 40.000 persone, ha riferito l’agenzia di stampa svizzera ATS.

Centinaia si sono presentati anche a Londra, compresi gli ucraini le cui famiglie sono state costrette a fuggire dalle bombe russe.

“Dobbiamo continuare a ricordare a tutti che dobbiamo rimanere uniti per sostenere il nostro Paese”, ha detto Olena Marcyniuk, 36 anni, durante una protesta a Trafalgar Square, nel centro di Londra, con i suoi figli di 14 mesi e nove anni.

“Forse in qualche modo (possiamo) comunicare anche alla Russia che il mondo è per l’Ucraina e che deve iniziare ad agire per fermare la guerra”.

Gran parte della sua famiglia era fuggita, ma suo zio è rimasto a Kiev per “combattere per la città”, ha detto.

Nel centro di Roma sindacati e organizzazioni si sono radunati in una grande “processione per la pace”, manifestando contro Putin ma anche contro la Nato.

Missili Guerra
Missili Guerra

“Nessuna base, nessun soldato, l’Italia fuori dalla Nato”, cantavano i pacifisti preceduti da una grande bandiera nei colori dell’arcobaleno.

“Questa è forse una delle prime vere manifestazioni per la pace”, ha detto il fumettista, attore e scrittore italiano Vauro Senesi.

Più di mille persone hanno manifestato anche nella capitale croata Zagabria con striscioni che dicevano: Ferma la guerra, salva l’ Europa e gloria all’Ucraina.

Nei Balcani, l’invasione ha fatto rivivere oscuri ricordi della sanguinosa disgregazione della Jugoslavia negli anni ’90, che ha ucciso più di 100.000 persone durante una serie di conflitti.

Dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, diverse migliaia di persone si sono radunate a Times Square a New York.

Portavano girasoli, il fiore nazionale dell’Ucraina, e cartelli che invitavano a fermare il terrorismo russo.

In centinaia si sono anche radunati fuori dalla Casa Bianca a Washington per chiedere una no-fly zone della NATO e assistenza militare per l’ Ucraina .

A Santiago, in Cile, è scoppiata una protesta contro la guerra davanti all’ambasciata russa, mentre membri della comunità ucraina hanno manifestato davanti all’ambasciata russa in Colombia, nella capitale Bogotá.

Una folla di migliaia di persone ha mostrato il proprio sostegno all’Ucraina davanti alla Vancouver Art Gallery.

Lo scorso fine settimana, centinaia di migliaia si sono presentati in gialloblu anche in tutta Europa, comprese Russia, Germania, Spagna, Finlandia e Repubblica Ceca.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-03-2022


Stati Uniti, un tornado colpisce l’Iowa: almeno 6 morti

Guerra in Ucraina, Rai, TG5 e Ansa sospendono i servizi dalla Russia