Quando il primo ministro Mario Draghi ha annunciato che gli italiani lo avevano persuaso a non dimettersi, per gran parte di oggi sembrava che il suo governo di unità nazionale sarebbe sopravvissuto.

Ha chiesto un nuovo patto e un voto di fiducia al Senato.

Ma ore dopo tre partiti della coalizione hanno detto che non avrebbero preso parte al voto.

Ora, dopo un anno e mezzo, il suo ampio governo che comprende destra e sinistra è destinato a crollare.

Dopo quello che il leader del centrosinistra ha definito un giorno di follia, Draghi ha vinto il voto ma, privato del sostegno di tre partiti, è probabile che ora prometta le sue dimissioni per la seconda volta in una settimana. Tuttavia, dovrebbe prima partecipare al dibattito di giovedì nella camera bassa del parlamento.

Il dramma politico italiano è iniziato giovedì scorso, quando il 74enne ex capo della Banca centrale europea ha consegnato le sue dimissioni al presidente, perché il movimento populista Cinque Stelle si era ritirato da un voto di fiducia su un pacchetto di aiuti multimiliardario per famiglie e imprese.

Il presidente Sergio Mattarella ha respinto le sue dimissioni e sei giorni dopo Draghi ha detto al Senato che era impossibile ignorare le chiamate pubbliche a rimanere nel posto di lavoro. Ha elogiato il pubblico, i sindacati, le università e l’industria, nonché gli operatori sanitari e il mondo dello sport per i loro appelli “immeritati” a portare avanti.

Un accordo completamente nuovo era “l’unico modo, se vogliamo stare insieme”, ha detto, facendo appello a un governo forte e coeso. “I partiti e voi parlamentari siete pronti a ricostruire questo patto?”

Per diverse ore gli italiani hanno trattenuto il respiro, nella convinzione che la crisi politica che aveva inghiottito il governo di un tecnocrate titano sarebbe finita fino alle elezioni, previste per il prossimo anno.

Il centrosinistra ha dato il suo sostegno a Draghi, ma tutti i partiti hanno avuto un occhio sulle prossime elezioni.

Durante un dibattito irritabile al Senato è diventato chiaro che i partiti di estrema destra della Lega e di centro-destra Forza Italia non erano pronti a rimanere al governo con il movimento populista Cinque Stelle che ha innescato la crisi in primo luogo. Tutti e tre si sono rifiutati di partecipare alla votazione.

L’ex leader dei Cinque Stelle, Luigi di Maio, ha detto che era una “pagina nera” per l’Italia e la politica aveva fallito. Il ministro degli Affari regionali Mariastella Gelmini ha detto che stava lasciando Forza Italia, accusando il partito di centro-destra di voltare le spalle agli italiani e cedendo all’estrema destra.

Luigi Di Maio

Il Partito Democratico di centrosinistra ha detto fin d’ora che si sarebbe preparato per la campagna elettorale.

Draghi è stato portato a guidare il governo italiano attraverso la pandemia, le riforme necessarie per conquistare quasi 200 miliardi di euro di fondi di recupero del Covid dell’UE e da allora è diventato una figura chiave nella risposta internazionale alla guerra in Ucraina.

Dopo aver rassegnato le dimissioni giovedì scorso, hanno avuto luogo diverse proteste che chiedevano a Draghi di rimanere in carica e i sondaggi hanno mostrato che la maggior parte degli italiani era d’accordo. Circa 2.000 sindaci e 250 imprenditori lo hanno sostenuto.

La terza economia più grande dell’UE ora sembra pronta per elezioni anticipate, ritardando le riforme tanto necessarie, così come il bilancio del prossimo anno. L’Italia è il più grande destinatario di sovvenzioni e prestiti dal fondo di recupero Covid dell’UE, ma la sua prossima rata dipende da un elenco di modifiche.

I sondaggi d’opinione suggeriscono che il prossimo primo ministro italiano verrebbe dall’estrema destra. Giorgia Meloni, leader dei Fratelli d’Italia, ha già indetto elezioni autunnali, evidenziando un recente sondaggio che ha dato al suo partito il 23,8% dei voti. “Questo spiega perché la sinistra ha così paura delle elezioni”, ha detto.

Giorgia Meloni

A differenza del resto della destra, la signora Meloni non ha fatto parte del governo Draghi, ma la Lega e Forza Italia sarebbero partner naturali con lei in qualsiasi futura coalizione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 20-07-2022


Crisi di Governo: Draghi si dimette

Draghi affossato da 5 stelle e destra