Oggi il ministro ex pentastellato Di Maio insieme allo storico esponente Dc Tabacci ha presentato il nuovo partito.

Bruno Tabacci e Luigi Di Maio hanno presentato un nuovo progetto di centro “Impegno civico” che “rappresenta quel principio di responsabilità civica che anche Papa Francesco ha evocato” ha detto il ministro degli esteri ieri a Mezz’ora in più.

Ovviamente cito quelle parole perché il principio fondamentale di queste elezioni e di questa campagna elettorale anomala, per la prima volta di vota a settembre, deve essere il fatto che tutti quanti noi dobbiamo sentire la responsabilità di partecipare, non vale solo per i partiti che chiedono il voto, ma deve valere per tutti i cittadini, perché è un momento storico importante” ha dichiarato Di Maio.

LUIGI DI MAIO
LUIGI DI MAIO

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’ex Dc a sostegno del ministro

In un’intervista al Corriere della Sera, Bruno Tabacci ha dichiarato di sentirsi molto vicino al ministro Di Maio. “Ero incuriosito dalla sua evoluzione, tanto ero distante al primo Di Maio, tanto sono in piena sintonia con il Di Maio che si autodefinisce senza se e senza ma “draghiamo” ha dichiarato il sottosegretario. L’ex Dc ha parlato del processo comune che è d’accordo sul governo Draghi e nella critica “agli irresponsabili, destre e Conte”.

In questo progetto, dichiara Tabacci, ci saranno persone che condividono l’idea di “impegnarsi insieme per fare fronte comune rispetto a chi ha voluto liberarsi di Draghi e che vorrebbe archiviare per sempre l’esperienza del suo governo”. Tra questi si inseriscono anche i duemila sindaci che hanno firmato l’appello al premier.

Come ha ribadito anche Di Maio: “Gli amministratori locali non sono degli sconosciuti per noi, sono gli eroi dei nostri territori che con ingegno, senza strumenti e senza fondi, hanno inventato soluzioni per migliorare la qualità della vita degli italiani, sarà una forza politica riformatrice, con grande attenzione alla transizione ecologica e digitale, che sono gli assi del Pnrr italiano”. Lo stesso nome, come ha sottolineato Tabacci, è un richiamo a ogni italiano di fronte all’urgenza del momento.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-08-2022


Renzi contro il Pd e invita Calenda nel terzo polo

Renzi: “Se Calenda dice sì a Letta, la destra brinda”