Il presidente dell’Inps ha parlato della questione pensioni al convegno ‘Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni’.

Le pensioni in Italia sono un argomento molto dibattuto: i giovani si lamentano in quanto, a causa della situazione precaria che si trovano ad affrontare nel mercato del lavoro, hanno paura di non riuscire a percepire mai l’assegno pensionistico. Coloro che, invece, hanno lavorato per molto tempo, riuscendosi a guadagnare la pensione, non sempre si fanno pagare l’assegno pensionistico in Italia. Scopriamo perché.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del presidente dell’Inps

“La maggior parte dei pagamenti delle pensioni è localizzata nel continente europeo, dove vi viene corrisposto oltre il 56% del totale delle pensioni pagate fuori dai confini italiani”. Queste le parole di Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, al convegno ‘Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni’.

“Seguono – asserisce Tridico – l’America settentrionale e l’Oceania, aree dove la percentuale si attesta rispettivamente al 22,8% e al 10,7%. Da un punto di vista tendenziale, a fronte di una sostanziale stabilità del numero del pagamenti di pensioni in Europa, il dato interessante è la forte crescita delle pensioni pagate in America centrale, in Asia e in Africa (rispettivamente +48%, +33% e +26%), determinata soprattutto dal rientro di coloro che, dopo aver lavorato e/o conseguito diritto a pensione in Italia, decidono di tornare nel proprio Paese d’origine.

risparmio pensione
Risparmio pensione

“Al contrario – commenta il presidente Tridico – si segnala il forte decremento dei numero dei pagamenti in America settentrionale, in America meridionale e in Oceania, aree che storicamente sono state tra le destinazioni preferite dagli emigranti italiani nel secolo scorso e che adesso ospitano i pensionati più anziani il cui numero, negli anni, è destinato a ridursi”.

“L’Asia e l’Europa – evidenzia Tridico – sono le aree continentali con la percentuale più elevata di pensioni di vecchiaia”. Invece, Tutte le aree continentali, con la sola esclusione dell’America meridionale, hanno percentuali alte di pensioni di vecchiaia, che superano il 60% rispetto al totale, segno che l’Inps sta pagando soprattutto pensioni di nuova generazione, tranne nel Sud America, dove si pagano principalmente pensioni ai superstiti”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-07-2022


Economia, Bonomi: “Il Paese è fermo e mi preoccupa molto”

Perché non si trovano lavoratori? I giovani sono sempre meno