Incendio in casa a Torino. Donna si lancia dal balcone al terzo piano con la figlia di otto mesi nel tentativo di mettersi in salvo.

Incendio a Torino, dove una donna si è lanciata dal balcone al terzo piano con la figlia di otto mesi in braccio nel tentativo di fuggire alle fiamme che avevano invaso l’appartamento. La donna e la piccola sono state ricoverate in ospedale in gravi condizioni.

Incendio in casa a Torino, donna si lancia dal terzo piano con la figlia di otto mesi nel tentativo di mettersi in salvo

L’incendio è divampato in una casa di via Rondissone, a Torino. Si ipotizza che le fiamme si siano originate dal vecchio ascensore dello stabile. Le fiamme si sono presto propagate sul piano e hanno interessato anche l’appartamento dove si trovavano una donna di trent’anni e sua figlia di appena otto mesi.

Ulteriori accertamenti serviranno a ricostruire con esattezza la dinamica e le cause dell’incendio.

Ambulanza
Ambulanza

I soccorsi e il trasferimento in ospedale

Nel tentativo di mettersi in salvo, la donna ha preso in braccio la bambina e si è lanciata dal balcone al terzo piano.. Le mamma e la figlia sono state immediatamente soccorse e trasferite in ospedale, dove sono state ricoverate in gravi condizioni a causa delle ferite riportate.

Stando a quanto riferito, la donna è stata operata per le diverse fratture riportate nella caduta. La bimba invece, secondo le prime informazioni raccolte, avrebbe riportato un trauma neurologico.

Al momento del ricovero in ospedale entrambe sarebbero state in gravi condizioni.


Da Indro Montanelli a Cristoforo Colombo: le statue che i manifestanti vogliono abbattere in nome della lotta al razzismo

Zona rossa Nembro e Alzano, pm da Conte. Tre ore di audizione, il premier: Tutto chiarito