Inchiesta zona rossa a Nembro e Alzano, audizione di Conte di fronte ai pm. Il Presidente del Consiglio sereno e convinto della bontà del lavoro svolto.

Inchiesta sulla zona rossa a Nembro e Alzano, i pm incontrano il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ascoltato come persona informata sui fatti.

Tre ore di audizione per il premier Conte

È durata tre ore l’audizione del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ascoltato come persona informata sui fatti. Secondo quanto raccolto e riferito da il Corriere della Sera, al Presidente del Consiglio sarebbe stato chiesto di fare luce su quanto accaduto tra il 3 e il 9 marzo, quando vennero inviate le forza dell’ordine e l’esercito nella bergamasca ma non fu istituita la zona rossa.

Il CorSera riporta anche le cinque domande che sarebbero state poste al premier. Di seguito le domande come riportate dal Corriere della Sera.

1- Dopo l’aumento dei contagi e la richiesta del comitato tecnico scientifico di dichiarare “zona rossa”, con chi si consultò?

2-Non risulta che la Regione Lombardia avesse presentato richieste formali, ci furono contatti informali?

3-Se la Regione Lombardia non aveva presentato richieste formali, perché si decise comunque di mobilitare l’esercito e di potenziare i contingenti delle forze dell’ordine?

4- Dopo la seconda richiesta degli scienziati, resa nota con una lettera del presidente del Comitato tecnico scientifico Silvio Brusaferro, consultò la Regione Lombardia?

5- Conte ha già dichiarato che si preferì chiudere l’intera Regione anziché soltanto i due paesi. Esaminò questa ipotesi con il governatore Attilio Fontana o con l’assessore Giulio Gallera?

Ogni passaggio è stato chiarito“, sono state le prime parole di Conte dopo l’audizione. La Pm Rota ha fatto sapere che il confronto è avvenuto in un clima disteso e di massima collaborazione.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

Conte sereno

Parlando con la stampa alla vigilia dell’audizione il premier Conte si era detto sereno o comunque non preoccupato. Tornando indietro, aveva riferito ai giornalisti come riportato dall’AGI, farebbe lo stesso, quindi non istituirebbe la zona rossa.

Giuseppe Conte
Roma 20/06/2018 – Il Presidente del Consiglio dei Ministri incontra il Presidente del Consiglio Europeo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte

Zona rossa a Nembro e Alzano, il lavoro della Procura di Bergamo

Il nodo principale che gli investigatori dovranno sciogliere è quello legato alle possibili responsabilità. Chi doveva istituire la zona rossa a Nembro e Alzano? Per Gallera e Fontana la decisione spettava al governo, per Palazzo Chigi i vertici della Regione Lombardia avevano la possibilità di procedere con la chiusura nel rispetto delle regole, della legge e della Costituzione.

Attilio Fontana
Db Milano 05/11/2019 – Inaugurazione dell’Anno Accademico del Politecnico di Milano / foto Daniele Buffa/Image nella foto: Attilio Fontana

Il nodo delle responsabilità

Bisognerà chiarire se nel rimpallo di responsabilità tra la Lombardia e il governo ci siano responsabilità e – qualora ci fossero – di che tipo.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Conte, ‘Ho un piano per ripartire’. E il premier allontana l’idea di un nuovo partito

Incendio a Borgo Mezzanone, morto carbonizzato un migrante