In Siberia l’incendio più grande del mondo. Secondo Greenpeace il rogo più importante ha superato 1,5 milioni di ettari.

MOSCA (RUSSIA) – In Siberia l’incendio più grande del mondo. Mentre in Italia la situazione sembra essere destinata a peggiore nelle prossime ore, la Greenpeace Russia al Moscow Times ha parlato di un rogo destinato a bruciare più di 1,5 milioni di ettari.

Secondo quanto riferito dall’Ansa, le fiamme sono divampate in Jacuzia, la regione più grande e più fredda della Russia, e il fumo raggiunge le città a migliaia di chilometri di distanza. Un quadro che molto probabilmente continuerà a peggiorare nelle prossime settimane.

Luglio uno dei mesi più caldi di sempre

L’estate 2021 molto probabilmente sarà una delle più calde di sempre. Nei prossimi giorni scopriremo se il mese di agosto sarà quello con le temperature più alte della storia, ma sicuramente quello di luglio è stato uno dei più caldi della Terra.

Secondo un’agenzia americana, il settimo mese dell’anno è stato il più caldo di sempre. Una visione non condivisa da altri studi, anche se luglio è considerato sul podio di questa speciale classifica. Tutti dati che fanno pensare ad un nuovo record mondiale per questa estate, ma per avere la certezza bisognerà aspettare ancora qualche settimana.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Caldo
Caldo

Il clima al centro del dibattito mondiale

Il clima continua ad essere al centro del dibattito mondiale. Il confronto a livello europeo riprenderà subito dopo la pausa estiva e sicuramente i diversi incendi divampati nelle ultime settimane in tutto il pianeta potrebbero portare ad una accelerata della discussione per arrivare ad una soluzione definitiva in breve tempo.

L’Ue vuole cambiare passo per cercare di salvare l’ambiente. Il percorso, come detto in più di un’occasione, è ancora lungo e soprattutto ricco di ostacoli. Ma se si vogliono rispettare gli obiettivi prefissati, la rotta va invertita da subito.

ultimo aggiornamento: 13-08-2021


Covid, cambiano le regole della quarantena

14 agosto 1980, Solidarnosc di Lech Walesa guida lo sciopero ai cantieri di Danzica