Nell’inchiesta sui fondi della Lega legata al caso Lombardia Film Commission spunta una fiduciaria panamense con sede in Svizzera.

Nuova possibile svolta nell’indagine sulla compravendita dell’immobile per la Lombardia Film Commission legata ai fondi della Lega che vede indagati tre commercialisti vicini al partito che attualmente si trovano ai domiciliari.

Nel corso delle indagini, le attenzioni degli inquirenti si sono concentrate su una fiduciaria panamense con sede in Svizzera.

Fondi della Lega, indagine sul caso LFC: spunta una fiduciaria panamense con sede in Svizzera

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, parte degli 800.000 euro ricavati dalla vendita dell’immobile per la LFC è passata dall’Italia alla Svizzera transitando per una fiduciaria panamense proprio con sede in Svizzera.

I magistrati sono intenzionati a seguire la nuova pista e, come riferito da la Repubblica, hanno avviato una rogatoria in Svizzera per continuare a seguire il flusso di soldi.

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

La destinazione finale dei soldi

Il nodo da sciogliere resta quello della destinazione finale dei soldi. Gli inquirenti vogliono capire se i fondi abbiano finanziato la campagna elettorale della Lega nel 2018 come reso da Sostegni in occasione di uno degli interrogatori. Lo stesso Sostegni chiuso lo questione parlando di una battuta di spirito da parte di Scillieri. E in effetti gli inquirenti non avrebbero trovato prove che possano collegare i soldi del caso Lombardia Film Commission alla campagna elettorale della Lega.

Salvini, “Non sono preoccupato per la semplice ragione che non ci sono motivi per esserlo”

Non sono preoccupato per la semplice ragione che non ci sono i motivi per esserlo“. Così ha risposto il leader della Lega Matteo Salvini ai microfoni dei giornalisti a margine di un comizio ad Ariano Irpino.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
fondi della Lega Matteo Salvini News politica primo piano

ultimo aggiornamento: 13-09-2020


Scuola, Azzolina: “Questo è un anno straordinario”

Scritta contro Zaia, indagano i carabinieri