Incidente sul lavoro a Parma. Un operaio è stato travolto da un camion sulla A1. Per lui non c’è stato niente da fare.

PARMA – Nuovo incidente sul lavoro a Parma. Nel pomeriggio di lunedì 13 settembre 2021 un operaio è stato travolto e ucciso da un camion mentre stava lavorando su un autocarro in un cantiere sulla A1. Immediata la chiamata, ma il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso.

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e ricostruire la dinamica dell’incidente. I punti da chiarire sono ancora diversi e per questo motivo gli investigatori preferiscono mantenere il massimo riserbo sulla vicenda.

La ricostruzione dell’incidente

La ricostruzione dell’incidente è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni riportate dall’Ansa, l’operaio era su un autocarro e stava segnalando un cantiere lungo la corsia di emergenza. Il mezzo pesante, ancora per motivi da accertare, ha iniziato improvvisamente a sbandare e ha colpito in pieno il furgone di servizio.

Immediata la chiamata ai soccorsi, ma il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso. E’ in corso un’indagine per accertare meglio quanto successo e provare a ricostruire meglio il motivo che ha portato l’uomo a perdere il controllo del camion e impattare con l’altro mezzo.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Ambulanza

Indagini in corso

Le indagini sono in corso per ricostruire meglio la dinamica di questo incidente. Gli investigatori hanno già ascoltato i testimoni alla tragedia e nelle prossime ore sono attesi i risultati dei rilievi per provare capire meglio cosa è successo sulla A1.

Il decesso dell’operaio è stato causato dal violento impatto con il mezzo pesante e per lui non c’è stato niente da fare. Una morte che aggrava il bilancio degli incidenti sul lavoro e i numeri sembrano essere destinati ad aumentare nei prossimi giorni.


Due femminicidi in poche ore, donna uccisa nel Bresciano dall’ex marito. 42enne accoltellata in provincia di Cosenza

Eitan, ecco come è stato portato a Tel Aviv