L’incidente è avvenuto in una miniera di carbone di Listvyazhnaya, in Siberia. Tra i morti ci sono anche sei soccorritori. Tre giorni di lutto.

Conta più di cinquanta morti il bilancio del drammatico incidente avvenuto in una miniera in Siberia, dove si è verificata una violenta esplosione ad una profondità di circa 250 metri.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Incidente in miniera in Siberia, violenta esplosione a più di duecento metri di profondità

L’incidente è avvenuto nella mattinata del 25 novembre nella miniera di carbone di Listvyazhnaya. Non sono chiare al momento le cause e la dinamica del drammatico incidente. In base alle informazioni a disposizione, si è verificata una violenta esplosione a più di duecento metri di profondità.

Le operazioni di soccorso e il bilancio

Nel corso delle ore sono stati soccorsi più di 230 minatori. Il bilancio conta più di cinquanta morti, e tra le vittime ci sono anche sei soccorritori, intervenuti nel tentativo di mettere in salvo gli operai rimasti intrappolati.

A distanza di ventiquattro ore circa dall’incidente, soccorritori fanno sapere che le speranze di trovare sopravvissuti sono di fatto inesistenti.

Il governatore della Regione di Kemerovo, dove è avvenuto l’incidente, ha annunciato tre giorni di lutto in memoria delle cinquantadue vittime del drammatico incidente.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Le ipotesi sulle cause dell’incidente

Una delle ipotesi sulle cause dell’incidente è che la polvere di carbone possa aver preso fuoco in un pozzo di ventilazione della miniera.

La sicurezza nelle miniere

Purtroppo non è la prima volta che in Russia si registrano incidenti gravi nelle miniere. Anzi, proprio le miniere sono considerate particolarmente pericolose in quanto obsolete e spesse poco curate anche per quanto riguarda le operazioni di manutenzione ordinaria.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 26-11-2021


Omicidio nel Pescarese, ucciso un 54enne. Un fermo

Caso Eitan, arrestato l’uomo che ha aiutato il nonno a rapire il bambino