L’ex portiere di Roma e Napoli, Morgan De Sanctis, è stato coinvolto in un incidente stradale. Subita l’asportazione della milza ma non sarebbe in pericolo di vita.

ROMA – Morgan De Sanctis ha subito un incidente stradale e si trova ora ricoverato in terapia intensiva al “Gemelli”. Il direttore sportivo della Roma, che non è partito al seguito della squadra impegnata oggi a Crotone, è stato operato d’urgenza. Dalle prime informazioni, sembra che il il 43enne non sarebbe in pericolo di vita anche se ha subito l’asportazione della milza.

Morgan De Sanctis, incidente sulla via Colombo

Era intorno alla mezzanotte quando l’attuale dirigente giallorosso si è ribaltato con la propria vettura, una Hyundai, mentre percorreva via Cristoforo Colombo. Inizialmente De Sanctis ha deciso di recarsi alla clinica Villa Stuart per i primi controlli, poi è stato trasportato al policlinico per verificare la presenza di eventuali emorragie interne e tenere sotto controllo il trauma cranico. La presenza di una emorragia interna all’altezza dell’addome ha reso necessario l’intervento chirurgico con asportazione della milza. Il classe ’77 ha riportato inoltre la frattura delle costole.

https://www.youtube.com/watch?v=K7xfXGJJD-s&ab_channel=gennyazzurro1992

La carriera dell’ex portiere

Nella più che ventennale carriera tra i pali, De Sanctis ha collezionato 634 partite in gare ufficiali con i club. Partito da Pescara, è approdato giovane alla Juventus (pochissime apparizioni) prima di approdare all’Udinese, dove si è affermato come uno dei migliori portieri della Serie A. Un paio di esperienze annuali all’Estero tra Siviglia e Galatasaray, poi Napoli (una Coppa Italia) e Roma. Ha chiuso la carriera al Monaco (una presenza nella Ligue 1 vinta dai monegaschi). In Nazionale sei presenze.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
calcio Morgan De Sanctis primo piano roma

ultimo aggiornamento: 06-01-2021


Riapertura scuole superiori, in classe anche in ‘zona arancione’

Speranza alza l’asticella: 70.000 vaccini al giorno. Ma in Lombardia consegnate 46.000 siringhe inadatte