Secondo i dati dell’Inail gli incidenti sul lavoro sono aumentati di oltre il 48% rispetto al 2021.

Le denunce di infortunio sul lavoro nel corso di 4 mesi da gennaio a aprile presentate all’Inail sono state 254.493, 261 delle quali con esito mortale (-14,7%). In aumento le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 19.287 (+3,5%). I dati mostrano un aumento del 48,1% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Un dato positivo è che le morti sono in calo, 45 in meno. Anche se è un numero ancora troppo alto – la media di due lavoratori al giorno. La diminuzione ha riguardato l’industria e servizi (da 263 a 219 denunce) e il Conto Stato (da 18 a 11). Di contro, l’agricoltura ha registrato sei casi in più (da 25 a 31). Gli incidenti mortali sono stati 19 in meno rispetto ai 280 del periodo gennaio-aprile 2020 e 42 in meno rispetto ai 303 del periodo gennaio-aprile 2019. Nonostante i dati in positivo l’Inail sottolinea che “il confronto richiede cautele“. Per quantificare il fenomeno, bisogna attendere il consolidamento dei dati dell’intero 2022.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Ancora troppe vittime

Per quanto riguarda l’analisi territoriale, si evince che nel primo quadrimestre c’è stato un incremento di due casi mortali nel Centro (da 56 a 58) e un decremento di 40 casi al Sud (da 87 a 47), di sei nel Nord-Ovest (da 80 a 74) e di uno nel Nord-Est (da 66 a 65). Nelle Isole il numero di decessi resta a 17 sia nel 2021 che nel 2022. Più nel dettaglio, le regioni con i maggiori aumenti sono le Marche (+5 casi mortali), la Lombardia (+3) e le province autonome di Trento (+3) e Bolzano (+2). Le diminuzioni maggiori si segnalano in Campania (-15), dell’Abruzzo (-10) e del Molise (-6).

Le vittime sono passate da 29 a 28 nella componente femminile e da 277 a 233 in quella maschile. Le denunce di decessi dei lavoratori italiani sono in diminuzione (da 267 a 217), mentre sono in aumento quelle dei comunitari (da 10 a 15) e stabili quelle degli extracomunitari (29). Per quanto riguarda le fasce d’età, c’è un aumento di casi di morti sul lavoro tra gli under 45 (da 71 a 93 casi) mentre in calo quelle dei 50-64enni (da 172 a 114).

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-06-2022


Il patto europeo sul grano: la Turchia è la chiave

Il Cremlino perde pezzi: i fedelissimi lasciano Putin