Antitrust apre un’indagine sui prezzi dei treni durante le feste di Natale. Chieste informazioni a Trenitalia e NTV.

Avevamo parlato ad inizio dicembre dell’assalto ai biglietti del treno per le feste di Natale e anche dei prezzi decisamente alti: ora l’Antitrust ha annunciato di aver aperto un’indagine per chiarire quanto successo e per accertarsi che non siano state commesse irregolarità a discapito dei viaggiatori.

Antitrust
fonte foto https://www.facebook.com/agcm.it/

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Il dpcm del 3 dicembre

Dopo che il Premier Conte ha presentato il dpcm del 3 dicembre annunciando anche le restrizioni legate agli spostamenti si è registrato un improvviso incremento di acquisti dei biglietti dei treni in particolare verso il Mezzogiorno. E all’aumentare della domanda, non potendo aumentare l’offerta, sono aumentati i prezzi dei biglietti.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Indagine dell’Antitrust sui prezzi dei treni durante le feste di Natale

L’Antitrust ha deciso di aprire un’indagine sui prezzi dei treni nei giorni delle feste di Natale. L’Autorità ha richiesto informazioni a Trenitalia e a NTV che hanno a questo punto tre giorni di tempo per illustrare i criteri utilizzati. Dovranno inoltre fare il punto sulle misure adottate per far fronte al prevedibile incremento della domanda durante le festività natalizie.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha trasmesso ieri una richiesta di informazioni alle principali compagnie di trasporto ferroviario (Trenitalia e NTV) in relazione all’offerta dei collegamenti sulle principali tratte servite e al significativo aumento dei prezzi dei biglietti che si registra in alcune giornate del periodo 15 dicembre 2020-15 gennaio 2021“.

L’Autorità ha rilevato un incremento dei prezzi nei giorni precedenti e in quelli successivi alle misure di blocco degli spostamenti previste dal DPCM del 3 dicembre“. Misure, ricorda l’Antitrust, “che interessano il periodo dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021“, recita la nota dell’Antitrust.

Treno Milano
Treno

Soddisfatti i rappresentanti dei consumatori

Si faccia subito chiarezza. E’ evidente che si tratta di una speculazione intollerabile rialzare i prezzi in modo esorbitante. I rincari ci sono sempre stati nei momenti di maggiore richiesta, così come negli orari di punta, ma non in modo così consistente. Inoltre è inaccettabile che avvenga durante un momento di così grande difficoltà per il Paese e per i viaggiatori“, ha dichiarato il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 17-12-2020


Borse 16 dicembre, indici Ue in positivo. Invariato il piano della Fed per l’acquisto dei titoli

Confindustria Macerata, Guzzini: “Bisogna riaprire, pazienza se qualcuno muore”. Poi le dimissioni