Fuga di gas in un impianto in India, dieci morti e mille persone in ospedale. L’incidente nello stabilimento potrebbe essere stato causato da un errore umano.

India, fuga di gas in un impianto chimico, almeno dieci decessi e mille persone in ospedale. L’incidente è avvenuto nello stabilimento di Visakhapatnam.

Di seguito il tweet con alcune delle foto scattate sul posto. Le immagini hanno fatto in poco tempo il giro della rete.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

India fuga di gas in fabbrica chimica

Stando alle informazioni a disposizione, l’incidente è avvenuto nella notte e potrebbe essere stato causato da un errore umano.. L’impianto chimico riapriva dopo lo stop forzato a causa del coronavirus. Secondo alcuni media locali, le procedure per la ripresa dell’attività dell’impianto non sarebbero state eseguite come da protocollo.

Il bilancio

I primi bollettini validati parlano di almeno dieci morti e mille persone circa in ospedale per assistenza medica.

Nella tarda mattinata del 7 maggio la società proprietaria dell’impianto ha fatto sapere che la situazione è sotto controllo. Il nodo principale resta quindi quello dell’assistenza alle persone che hanno inalato il gas.

Ambulanza
Ambulanza

Le indicazioni delle autorità

Le autorità, in attesa di capire quali possano essere gli effetti del gas inalato, consigliano alle persone di non uscire di casa, di non avvicinarsi alla zona e, se non fosse possibile seguire le prime due indicazioni, di proteggere le vie respiratorie con un fazzoletto bagnato.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 07-05-2020


Cos’è e come funziona la plasmaterapia. È efficace contro il coronavirus?

Sesso in cambio di esami, ex docente universitario sospeso a Napoli