La Cina nella morsa del maltempo: 12 persone hanno perso la vita a Zhengzhou a causa delle inondazioni. Xi: “La priorità è la vita delle persone”.

Allarme maltempo in Cina, con intense precipitazioni che hanno interessato la provincia di Henan, dove si contano più di dieci morti a causa delle inondazioni. A Zhengzhou 12 persone hanno perso la vita dopo essere rimaste intrappolate nella metropolitana allagata.

Inondazioni in Cina, 12 morti a Zhengzhou

La situazione è emergenziale nella provincia di Henan. A causa delle forti piogge e degli allagamenti, migliaia di persone sono state evacuate e purtroppo si teme che il bilancio delle vittime possa aggravarsi nel corso delle prossime ore. In un’ora sono caduti circa venti centimetri di pioggia. Il maltempo ha provocato danni e disagi. E purtroppo anche vittime. Proprio nella città di Zhengzhou 12 persone sono morte intrappolate nella metropolitana inondata dall’acqua. La città, hanno comunicato i funzionari come riferito dall’ANSA, “ha sperimentato una serie di rari e violenti temporali che hanno causato l’accumulo di acqua nella metropolitana di Zhengzhou“.

L’ondata di maltempo ha interessato buona parte della Cina centrale. La provincia di Henan, nella quale vivono 94 milioni di persone, è quella più interessata, che ha diramato lo stato di allerta più alto. Preoccupa la tenuta della diga Yihetan nella città di Luoyang. La struttura è stata danneggiata dalle tempeste che negli ultimi tempi hanno sferzato la zona e si teme che possa cedere in questa nuova ondata di maltempo.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Alluvione maltempo
Alluvione maltempo

I soccorsi

In tutta la Provincia sono in corso le operazioni di soccorso. Xi si è rivolto alle alle autorità invitandole a mettere al primo posto la sicurezza e la proprietà delle persone assumendo “un ruolo guida nella lotta alle inondazioni“. Inoltre Xi Jinping ha ribadito come la massima priorità sia quella di “salvare la vita delle persone“. Anche l’esercito è in strada per fornire supporto alla popolazione e soprattutto alle persone evacuate.


21 luglio 1979, la mafia uccide Boris Giuliano a Palermo

Taranto, sparatoria durante una festa in un locale: dieci feriti