L’Inter dopo il derby è attesa da un calendario pieno, tra Roma, Napoli, Liverpool e impegni di campionato in Serie A.

Nelle prossime settimane l’Inter dovrà affrontare un calendario particolarmente pieno di impegni, alcuni sono autentici big match come il derby appena passato.

Archiviato appunto la sconfitta subita su rimonta per mano di Giroud nel Milan, per l’Inter è una nuova alba. Ancora da prima in classifica, certo, ma con qualche punto perso ed una nuova necessità di dover limare qualche imperfezione che continua a caratterizzarla. Infatti, una squadra diventa grande soltanto attraverso le molte difficoltà, con spirito di sacrificio.

Ad attendere la squadra di Simone Inzaghi ci sarà, da qui al prossimo mese intero, un calendario pieno di impegni di una certa portata non soltanto per il destino di un campionato riaperto ma anche per le fasi conclusive di Coppa Italia e Champions League.

Inter Suning

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I molti impegni dei nerazzurri

Ad aprire il lungo percosso dell’Inter sarà la gara secca contro la Roma valevole per i quarti di finale di Coppa in programma il prossimo 8 febbraio. Poi a seguire il 12 febbraio l’altro match da dentro o fuori di Serie A in trasferta col Napoli. Il 16 febbraio l’Inter ospiterà il Liverpool in casa per giocare l’andata degli ottavi di finale della massima competizione europea per club ossia la Champions League, nell’attesa del ritorno che si terrà in Inghilterra l’8 marzo.

Ad allungare la striscia d’impegni ci saranno nel mezzo gli incontri di Serie A contro Sassuolo, Genoa e Salernitana. Lasciata alle spalle la brutta sconfitta contro i rossoneri, il tecnico nerazzurro è chiamato a non ripetere gli stessi errori nella gestione delle risorse soprattutto in questa imminente fase piena di stagione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 06-02-2022


Milan-Inter, Sacchi: “La differenza tra nerazzurri e rossoneri era enorme”

Juventus, arriva il tridente: i convocati, Vlahovic con Morata e Dybala