Inter, Edin Dzeko si racconta durante un dialogo intervista con Micah Richards. Il calciatore rivela di aver parlato con Mourinho.

Edin Dzeko in un dialogo intervista con Micah Richards parla del suo arrivo all’Inter: “L’anno prima c’era stato qualcosa con la Juventus, due anni prima c’era qualcosa con l’Inter, l’estate scorsa non mi aspettavo di andarmene dopo l’arrivo di José Mourinho. Gli ho parlato quando è arrivato e sapeva che avevo ancora un anno di contratto. È stato un onore che un allenatore così grande fosse arrivato nel club.”

Continua” Gli ho detto: ‘Sono qui e darò tutto per te e per il club. Ma dato che questo è l’ultimo anno del mio contratto, se salta fuori qualcosa, possiamo prenderlo in considerazione?’. Nel giro di pochi giorni era arrivato Tammy Abraham dal Chelsea e l’Inter era venuta a prendermi”.”

Dzeko parla anche della crescita dell’Inter: “Antonio Conte ha fatto un ottimo lavoro negli ultimi due anni qui. Nessuno si aspettava che l’Inter fosse dove siamo ora, ma non avevo paura di venire qui. Conosco le mie qualità e ci sono molti grandi giocatori qui. Stiamo andando alla grande. Speriamo di poter continuare in questo modo. Abbiamo vinto la Supercoppa dopo 10 anni. Siamo arrivati ​​agli ottavi di finale di Champions League per la prima volta in 10 anni. Siamo ancora primi in campionato e vogliamo restarci. Dobbiamo continuare così”.

Inter
Edin Dzeko

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Dzeko parla anche della sfida con il Liverpool

Dzeko discute della sfida della sua Inter contro il Liverpool: “Non è stato un sorteggio fortunato per noi perché il Liverpool può sicuramente far male a chiunque. Ma è la Champions, la competizione migliore del mondo. Il Liverpool è favorito, lo sappiamo. Ma non si può dire al 100% che una squadra batterà l’altra. Abbiamo anche una grande squadra e direi che ci saranno tanti gol. Siamo entrambe squadre d’attacco. Non siamo una tipica squadra italiana che resta indietro. Ma in partite come questa devi difenderti bene”.

Il rapporto con i suoi ex compagni Alisson e Salah: “Prima della partita parlerò con lui e con Alisson. In un certo senso, ho aiutato Salah a diventare il calciatore che è… Sono così felice per lui, un ragazzo eccezionale che merita tutto ciò che ha ottenuto. È lo stesso con Alisson. Siamo stati insieme due anni e nella seconda stagione siamo arrivati ​​alla semifinale di Champions League quando il Liverpool ci ha battuto. Per vincere i grandi trofei, hai bisogno di giocatori come questi”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 12-02-2022


Milan, sguardo proiettato al futuro tra rinnovi e mercato

Lazio-Bologna 3-0: Doppietta di Zaccagni e rigore di Immobile