Forse non arriva ai livelli di fama e di diffusione del rivale WordPress, ma il CMS Joomla continua a essere un valido sistema per chi vuole realizzare un sito web pur senza avere le competenze specifiche da programmatore.

Ora festeggia il traguardo dei primi 15 anni, con numeri in crescita e una nuova versione pronta al debutto.

La storia di Joomla

Anche se il debutto ufficiale sulla Rete è arrivato a settembre, l’anniversario della nascita di Joomla si fa risalire al 17 agosto 2005, quando si gettarono le basi della prima release del CMS, che nacque dalle ceneri di un progetto che coinvolgeva l’azienda australiana Miro Corporation (già proprietaria del trademark Mambo) e un gruppo di programmatori volontari. In seguito a questa scissione, il team di sviluppatori decise di lavorare a un’iniziativa open source, pubblicata online effettivamente nelle settimane successive.

E così, esattamente quindici anni fa, veniva rilasciata la prima versione di Joomla, nome scelto in assonanza alla parola swahili jumla che significa “tutti insieme” o “come un’unica entità”, che riflette appunto la filosofia della condivisione e della comunità che sta dietro al progetto e che viene portata avanti ancora oggi.

Le caratteristiche di Joomla

In questo periodo, Joomla si è fatto apprezzare come piattaforma facile da usare e di buona affidabilità, con notevoli possibilità di personalizzazione attraverso i moduli o i componenti, che permettono di aggiungere funzioni al sito in modo molto semplice e di far crescere il proprio progetto online in base alle specifiche esigenze.

La sua diffusione ha portato anche alla nascita di servizi specifici a supporto, come quelli offerti da Flamenetworks, azienda italiana leader nell’offerta di hosting Joomla, con assistenza al setup, attivazione istantanea e server ottimizzati per questo CMS, ospitati su dischi SSD a elevata velocità per garantire il massimo delle prestazioni, caratteristica irrinunciabile per chi vuole essere competitivo sulla Rete oggi.

I punti di forza del CMS

A distanza di 15 anni dalla prima release, attualmente si stima che più di 5 milioni di siti in tutto il mondo eseguano Joomla (ovvero, più del 3 per cento di tutti i siti web mondiali), che ha un market share di oltre il 9 per cento nel mercato dei CMS e supporta la presenza online di piccole e medie imprese, governi, organizzazioni no-profit e grandi realtà in tutto il mondo.

CMS joomla
CMS joomla

Secondo la definizione ufficiale, Joomla è un Sistema di Gestione dei Contenuti Open Source per pubblicare contenuti web, costruito su un robusto web application framework che consente agli sviluppatori di creare potenti applicazioni web indipendenti dal CMS.

Tra le sue peculiarità più apprezzate ci sono la semplicità (grazie a una interfaccia backend user-friendly per gestire tutti gli aspetti e le funzioni di un sito web), la sicurezza e la scalabilità, la possibilità di ottimizzare in modo nativo vari aspetti legati alla SEO e alla visibilità sui motori di ricerca, la presenza di moltissimi template per personalizzare lo stile del sito e, come accennato, la presenza di migliaia di estensioni tra componenti, moduli e plugin per estendere le funzionalità di ogni sito web.

Tutto pronto per la versione 4.0

Nello scorso mese di giugno, il team aziendale ha annunciato la disponibilità del rilascio di Joomla 4 Beta 2, che anticipa quindi il debutto ufficiale e definitivo della nuova versione del CMS, presentata come “la migliore di sempre”, in grado di fornire semplicità e una migliore esperienza utente, nonché di garantire un sistema più robusto per gli sviluppatori.Nello spirito nativo del progetto, ispirato alla condivisione completa, la versione 4.0 stabile sarà rilasciata solo alla fine della fase di pianificazione, che dipende dai feedback ricevuti da sviluppatori e utenti che hanno contribuito a scaricare, utilizzare e testare le versioni Beta. Un bel regalo per un compleanno speciale!

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Controllo Parentale: le 5 Migliori Alternative a Google Family Link

Animali domestici: come prendersi cura del proprio cane