Massimiliano Allegri rompe il silenzio e parla del suo futuro e della situazione del calcio italiano.

Dopo un lungo silenzio Massimiliano Allegri è tornato a parlare e lo ha fatto negli studi di Sky Calcio Club. L’ex allenatore di Milan e Juventus ha svelato diversi retroscena sul suo recente passato e ha parlato della stagione in corso, commentando anche il campionato della nuova Juve di Andrea Pirlo.

Allegri prepara il ritorno

Svelando qualche retroscena sul suo recente passato, Allegri ha svelato di aver detto no al Real Madrid dopo aver già preso un accorso con la Juventus.

“Posso dire questo, che il Real mi ha cercato ma dissi di no perché già avevo dato la mia parola alla Juve”

Per quanto riguarda il futuro, Allegri ha fatto sapere di voler tornare in panchina.

“Non so ancora niente del mio futuro, adesso sto guardando delle partite e mi immedesimo nella testa degli allenatori immaginando che sostituzioni fare per esempio. Ormai giugno sta arrivando e voglio tornare”.

Allegri, “Il calcio è fatto da gesti tecnici all’interno di un’organizzazione, bisogna tornare all’Abc”

Massimiliano Allegri ha parlato anche del momento che sta vivendo il calcio italiano, reduce dalle delusioni europee.

Ho fatto un po’ di riflessioni, sono sempre quello che faceva da contraltare ai giochisti, non c’è una verità assoluta nel calcio ma ci vuole equilibrio. Io non credo che si debba buttare quello che gli allenatori vecchio stile ci hanno insegnato, come non c’è da buttare il nuovo. C’è bisogno di mettere più al centro il giocatore e lavorarci. La tattica c’è e serve. Mi sembra che oggi i giocatori siano diventati uno strumento per gli allenatori per dimostrare che sono bravi. Gli allenatori bravi sono quelli che vincono e creano valore. Il calcio è fatto da gesti tecnici all’interno di un’organizzazione, bisogna tornare all’abc del calcio“.

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

La stagione della Juve: “Se vincesse la Coppa Italia e entrasse in Champions comunque sarebbe una stagione buona”

Inevitabile poi un commento sulla stagione della Juventus.

“Hanno fatto una buona squadra, sono in finale di Coppa Italia, stanno lottando per un posto Champions, hanno vinto la Supercoppa, poi la Champions è un’incognita. Gli acquisti che hanno fatto sono buoni, Chiesa è un ottimo giocatore, lo stesso Morata ma il centrocampo è stato cambiato in blocco, nel cambio generazionale cambiano anche le caratteristiche dei giocatori. Devi andare a ricostruire un’anima di una squadra. Ci vuole calma, bisogna trovare i giocatori con caratteristiche che si completano, tutti sono passati da momenti belli a momenti più difficili. Se vincesse la Coppa Italia e entrasse in Champions comunque sarebbe una stagione buona. Forse poteva stare più vicina all’Inter ma poi bisogna valutare tante cose”.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 22-03-2021


Serie A, Roma-Napoli 0-2. Tonfo Juve con il Benevento. Vincono Milan, Lazio, Samp e Atalanta

Inter, Ats: i giocatori possono essere convocati dalle Nazionali