Giuseppe Conte a ‘Il Fatto Quotidiano’: “Per fare politica ci sono tanti modi. Vedremo”.

ROMA – Giuseppe Conte è ritornato a parlare e lo ha fatto ai microfoni de Il Fatto Quotidiano: “Il mio futuro immediato è il rientro a Firenze come professore. E’ terminata la mia aspettativa e quindi riprenderò a fare il professore. Per fare politica ci sono tanti modi. Adesso lo vedremo insieme agli amici e ai compagni di viaggio“.

“Credo molto all’alleanza tra Pd e M5s”

L’ormai ex presidente del Consiglio si è soffermato anche sul progetto politico dell’alleanza tra M5s e Pd: “Quello è un progetto che non ho declamato a caso. E’ un progetto che abbiamo iniziato a fare. Ha già prodotto dei risultati, altri sono in fase di completamento ed altri ancora vanno ancora realizzati. Credo molto in questo progetto da politico, da privato cittadini e da ex presidente del Consiglio. Continuerò a dare il mio contributo nelle modalità che decideremo insieme”.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Il progetto di Giuseppe Conte

L’ex premier Conte non ha perso le speranze di un suo ritorno a Palazzo Chigi nel 2023. Il suo nome era circolato per un possibile ruolo da sindaco di Roma (ora favorito Gualtieri), ma l’avvocato del popolo ha nei suoi piani tentare una nuova esperienza da presidente del Consiglio, questa volta da eletto.

E per farlo è al lavoro per rafforzare l’alleanza tra Partito Democratico, M5s e Liberi e Uguali. Un progetto iniziato durante l’ultima esperienza governativa e destinato a continuare anche in futuro. Da capire il ruolo dell’ex premier. Per Conte l’obiettivo principale resta quello di rientrare a Palazzo Chigi, ma non si escludono altri ruoli. I ragionamenti sono in corso e, al termine di questi assestamenti all’interno dei singoli partiti, inizierà un confronto per capire come muoversi sia a livello amministrativo che nazionale.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini


Antonio Funiciello il nuovo capo di gabinetto del premier Draghi

Garavaglia: “Sullo sci è mancato rispetto”. La replica di Speranza: “La salute prima di tutto”