L’intervista di Luigi Di Maio a ‘Che tempo che fa’: “Sono convinto che l’Italia non è quella dell’odio contro Silvia Romano”.

ROMA – In un’intervista ai microfoni di Che tempo che fa il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è ritornato sulla questione Silvia Romano: “Ho seguito l’operazione della liberazione in prima persona e ribadisco che non abbiamo pagato nessun riscatto, altrimenti avrei dovuto dirlo“.

Il titolare della Farnesina ha elogiato i genitori della giovane milanese per quanto successo negli ultimi giorni: “Hanno dimostrato grande dignità nonostante la valanga di odio e di rabbia contro Silvia. Sono convinto che l’Italia è un’altra e non quella che si sta rivolgendo in modo osceno nei confronti della ragazza“.

Di Maio: “Italiani responsabili”

Nell’intervista Di Maio è ritornato sulla ‘fase 2’: “Quando abbiamo indetto il lockdown non esisteva un protocollo ben preciso. Noi abbiamo fiducia nei governatori, in chi conosce il proprio territorio. Gli italiani hanno dimostrato di essere responsabili e sanno che se sbaglia uno rischiamo di ritornare in un lockdown ad agosto“.

Nelle prossime settimane si cercherà di far partire il turismo: “Vogliamo salvare l’estate per quel che possiamo. Dal punto di vista dell’impegno posso assicurare che ce la metteremo tutta“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio (fonte foto https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/)

Di Maio su Giulio Regeni e Bonafede

Il ministro degli Esteri ha parlato della morte di Giulio Regeni: “Stiamo cercando di far incontrare i procuratori di Roma e del Cairo per portare avanti le indagini. Voglio ricordare che i sospettati ci sono dobbiamo solo proseguire sulla via intrapresa“.

In conclusione Di Maio è ritornato sul caso Bonafede: “Io non ho mai avuto dubbi su Alfonso. Per lui parlano le leggi che ha approvato. Maggioranza? Siamo al lavoro da settembre e questa pandemia ha rafforzato il rapporto tra i ministri ma anche con il presidente del Consiglio“.

Sono convinto che l'Italia non sia quella minoranza che si sta rivolgendo in modo osceno contro Silvia. L’Italia non è chi la insulta, l’Italia è molto altro. L’Italia è un paese migliore.

I genitori di Silvia Romano sono persone da cui bisogna apprendere tante cose. Hanno dimostrato grande dignità anche quando dopo la liberazione hanno letto una valanga di odio e rabbia contro la figlia. Sono convinto che l'Italia non sia quella minoranza che si sta rivolgendo in modo osceno contro Silvia. L’Italia non è chi la insulta, l’Italia è molto altro. L’Italia è un paese migliore. Ne ho parlato poco fa a Che Tempo Che Fa su Rai2. Collegatevi.

Pubblicato da Luigi Di Maio su Domenica 17 maggio 2020

fonte foto copertina https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/

ultimo aggiornamento: 18-05-2020


L’Italia riapre le frontiere (in entrata) dal 3 giugno con molti limiti

La Campania non firma l’intesa Stato-Regioni