Ipotesi lockdown di Natale per i No Vax. La decisione definitiva potrebbe essere presa nelle prossime ore.

ROMA – L’Italia pronta a seguire il modello dell’Austria. Secondo quanto riferito da La Stampa, non è da escludere l’ipotesi di un lockdown di Natale per i No Vax. I ragionamenti all’interno del Governo, almeno leggendo il quotidiano torinese, sono in corso e non sono da escludere tra lunedì e martedì un confronto tra i partiti e il premier Draghi per decidere le misure da mettere in campo.

La possibilità al vaglio è quella di inserire una zona rossa in alcuni orari (19-24 del 24 dicembre, 12-16 il 25 e tutta la notte il 31 ndr) per le persone non immunizzate. Una ipotesi complicata da mettere in pratica per diversi motivi, ma i ragionamenti sono in corso e ci aspettiamo delle novità.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Aumentano le regioni in zona gialla

Confronto che potrebbe entrare nel vivo nelle prossime ore. L’aumento delle regioni in zona gialla (7 su 20) potrebbe portare il Governo ad introdurre delle nuove restrizioni, ma l’ipotesi al vaglio di Palazzo Chigi è quella di inserire misure solamente per i nuovi immunizzati.

Ma, come detto in precedenza, si tratta di una possibilità molto complicata da mettere in campo per diversi motivi e alla fine si potrebbe restare con le misure attuali.

Coronavirus
Coronavirus

Il Natale in Italia

Il Natale è ormai alle porte e le incertezze sono diverse. I contagi, come ormai è noto, sono in aumento e per questo motivo il consiglio degli esperti è ancora quello di mantenere responsabilità e prudenza. Non è da escludere l’ipotesi di nuove restrizioni, ma il poco tempo e le difficoltà di attuarle rende tutto molto più difficile.

Per questo, almeno al momento, possibile la conferma delle misure attuali nella speranza di poter arrivare ad un picco il prima possibile.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 18-12-2021


Termina la latitanza di Graziano Mesina, arrestato l’ex primula rossa

Covid, il Governo alle Regioni: “Pronti a possibile emergenza negli ospedali”. Ipotesi riduzione Green Pass