Il Governo valuta la possibilità di ridurre la quarantena per chi ha la terza dose. Avanzata la richiesta al Cts.

ROMA – Possibile riduzione della quarantena per chi ha la terza dose. Secondo quanto riportato dall’Ansa che cita fonti informate, il Governo ha chiesto al Cts la possibilità di rivedere l’isolamento delle persone che hanno già fatto la somministrazione booster.

Gli esperti si dovrebbero già riunire nei prossimi giorni e non si esclude un parere entro il prossimo weekend su questa possibilità. Poi toccherà al ministero della Salute con un’ordinanza fissare le nuove tempistiche e si proverà a rendere la vita degli italiani sicuramente più facile di quella attuale.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le ipotesi

Le regole per chi non è vaccinato oppure si è sottoposto a solo due somministrazioni non dovrebbero cambiare. Per loro la quarantena dovrebbe restare rispettivamente di dieci e sette giorni. Il cambio di passo, invece, dovrebbe riguardare chi ha già ricevuto la dose booster. In questo caso l’idea è quella di abbassare l’isolamento con tampone negativo a tre o cinque giorni.

Si tratta di una novità importante per consentire al Paese di poter convivere con il virus e non doversi fermare per i continui casi registrati e soprattutto i contatti che si hanno con un positivo anche se il tampone è negativo.

Coronavirus
Coronavirus

Chiesto il parere al Cts

E’ stato chiesto il parere al Cts. Toccherà agli esperti decidere se dare il via libera alla riduzione della quarantena oppure rimandare, per il momento, la richiesta avanzata dal Governo. Le nuove regole, comunque, dovrebbero entrare in vigore con il nuovo anno e non si esclude la possibilità di un inizio dal 10 gennaio.

Si tratta di un cambio di passo che potrebbe essere condiviso anche dal premier Draghi e dal resto della maggioranza e che ha come obiettivo quello di riuscire a gestire i prossimi mesi di pandemia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 27-12-2021


Covid, quarta dose al via in Israele: tra i primi un’infermiera e un prof

Pavia, 61enne morta dopo essere stata urtata da un treno. Sospesa la circolazione ferroviaria