Isabella De Bernardi è morta all’età di 57 anni. L’attrice è conosciuta da tutti per essere stata la fidanzata di Verdone in ‘Un sacco bello’.

ROMA – E’ morta all’età di 57 anni Isabella De Bernardi. L’attrice, conosciuta da tutti per essere stata la fidanzata di Carlo Verdone in Un sacco bello, si è spenta nella giornata di mercoledì 26 maggio. A dare la notizia della scomparsa della donna è stata La Repubblica. Il quotidiano, però, non è entrato nei dettagli della cause del decesso.

Con lei si chiude una pagina della storia del cinema. In molti, infatti, la ricordano per essere stata la compagna hippy di Verdone e di aver detto a fascio a Mario Brega, nel film Un sacco bello padre del protagonista principale.

Chi era Isabella De Bernardi

Nata il 12 luglio 1963, Isabella De Bernardi è cresciuta nel mondo del cinema grazie anche a papà Piero, sceneggiatore e storico autore del cinema. L’esordio sul grande schermo è avvenuto proprio grazie a Carlo Verdone. Il romano ha offerto il ruolo di Fiorenza in Un sacco bello dopo un incontro a casa del padre per la stesura della prima sceneggiatura.

Una proposta immediatamente accettata, con Isabella che per tutti è diventata Fiorenza. Un personaggio che ha restituito al pubblico le ultime immagini dei figli dei fuori. Nella sua breve carriera cinematografica ha lavorato ancora con Verdone in Borotalco e Il bambino e il poliziotto. Ma ha avuto anche la possibilità di collaborare con Alberto Sordi ne Il marchese del grillo e Io so che tu sai che io so. Inoltre ha preso parte a I ragazzi della III C, una delle prime serie italiane. Conclusa questa esperienza, ha intrapreso la passione per il disegno e la grafica.

Carlo Verdone
Carlo Verdone

Isabella De Bernardis morta

La notizia della scomparsa di Isabella De Bernardis è stata appresa con molto dolore dall’intero mondo cinematografico e non solo. I messaggi di cordoglio sono stati diversi e sicuramente il suo nome resterà per sempre legato a Fiorenza e al film Un sacco bello.


AstraZeneca, “la sicurezza negli under 60 rimane un tema aperto”. Non escluse trombosi con seconda dose

Incidente sul lavoro a Salerno, operaio schiacciato da un carrello: morto