Istat, i dati sull’occupazione nel mese di novembre 2019. Il tasso sale a quota 59,4%. Mai così pochi inattivi dal 1977.

Dati Istat, a novembre sale il tasso di occupazione che raggiunge quota 59,4%. Si tratta, come registrato dall’Istituto, del miglior risultato da quando sono state avviate le serie storiche, ossia il 1977.

“Dopo l’incremento occupazionale del primo semestre dell’anno e l’andamento altalenante del terzo trimestre, nel mese di novembre si conferma la tendenza alla crescita già registrata a ottobre che porta l’occupazione ai massimi storici (cioè dal 1977, anno di inizio delle serie storiche ricostruite)”, si legge nella nota dell’Istituto.

Istat, i dati sull’occupazione di novembre 2019

Rispetto al mese di ottobre il livello di occupazione sale dello 0,1% raggiungendo il traguardo del 59,4%. Un macro-risultato senza dubbio positivo per l’Italia. Traducendo il valore percentuale in numeri, per rendere l’analisi più comprensibile, per quanto riguarda il mese di novembre gli occupati, ossia le persone con un lavoro, sono 23 milioni e 486 mila.

Istat
Fonte foto: https://www.facebook.com/IstatCensimentiGiornoDopoGiorno

Le donne ‘spingono’ il mondo del lavoro

La seconda notizia positiva è gran parte dei 41.000 occupati in più rispetto al mese di ottobre, sono donne. Aumentano inoltre i lavoratori dipendenti con un contratto stabile, mentre fanno registrare un calo i lavoratori indipendenti e le assunzioni a termine.

L’andamento dell’occupazione è sintesi di un aumento della componente femminile (+0,3%, pari a +35 mila) e di una sostanziale stabilità di quella maschile“, recita la nota dell’Istat.

Istat, i dati sull’occupazione giovanile

Il quadro resta positivo anche guardando al mondo dei giovani. Il tasso di occupazione giovanile sale al 28,6%. Il tasso di disoccupazione resta invece sotto la soglia del dieci per cento.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
dati istat 2019 economia evidenza Istat

ultimo aggiornamento: 09-01-2020


Autostrade, passo indietro del Governo sulla revoca: ipotesi maximulta

Si riaccende il dibattito sull’Articolo 18