Ufficiale il passaggio di Jack Miller alla Ducati. L’australiano ha firmato un contratto annuale.

ROMA – Jack Miller alla Ducati. Il pilota australiano nel 2021 correrà per il team ufficiale della scuderia di Borgo Panigale dopo una lunga militanza nella satellite Pramac. Un passaggio diventato ufficiale dopo diverse settimane di indiscrezioni anche se non è ancora chiaro chi gli lascerà il posto.

Il favorito sembra essere Danilo Petrucci ma non si esclude la possibilità di una conferma del ternano con Andrea Dovizioso che potrebbe lasciare la Rossa per approdare alla Ktm.

Jack Miller alla Ducati, contratto annuale con opzione

Il passaggio di Jack Miller alla Ducati avverrà nel 2021 con il pilota australiano che ha firmato un contratto annuale con l’opzione di un prolungamento a favore della squadra italiana. Lo stipendio dell’attuale Pramac si aggira intorno al milione di euro.

Ringrazio di cuore – ha detto Miller subito dopo la firma – il team Pramac per il grande supporto ricevuto da loro nei due anni e mezzo trascorsi insieme. Per me è un onore poter proseguire la mia carriera in MotoGP con la Ducati. Non vedo l’ora di ricominciare a correre quest’anno e sono pronto ad assumermi con il massimo impegno la responsabilità di essere un pilota Ducati ufficiale nel 2021“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Jack Miller
Jack Miller

Jorge Martin al posto di Jack Miller in Pramac

La Ducati sembra avere le idee chiare per il 2021. Il posto di Jack Miller in Pramac dovrebbe essere preso da Jorge Martin con il pilota spagnolo pronto al grande salto nel 2022. A Borgo Panigale, infatti, si pensa di far arrivare l’iberico nel team ufficiale dopo solo un anno di MotoGP per continuare il suo percorso di crescita forse proprio al fianco dell’australiano.

Previsioni che dovranno essere confermate in pista con tutti i protagonisti chiamati a fare bene in stagione per avere la certezza di una permanenza nella squadra che ha puntato su di loro.


Macron, maxi piano per il mondo dell’auto. E anche l’Italia deve rilanciare il settore

Formula 1, la McLaren licenzia 70 dipendenti per l’emergenza coronavirus