La gaffe di Joe Biden: il Presidente degli usa non si accorge che il microfono è acceso e offende un giornalista. Poi le scuse.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden è finito al centro delle polemiche per aver insultato un giornalista dandogli dello stupido figlio di… Facile completare la frase.

Casa Bianca
Casa Bianca

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’evento alla Casa Bianca e la gaffe di Joe Biden

È successo durante un evento organizzato alla Casa Bianca. Lo sfortunato giornalista si chiama Peter Doocy, Fox News. La domanda posta al Presidente degli Usa era sicuramente scomoda se non addirittura provocatoria. L’intento era quello di mettere in difficoltà Biden, una mossa in linea con al filosofia dell’emittente, di orientamento conservatore. In particolare la domanda era sull’inflazione, nota dolente in queste settimane.

Joe Biden
Joe Biden

Joe Biden offende un giornalista dopo una domanda scomoda. La frase bisbigliata a microfoni aperti

Biden fiuta la trappola e risponde con ironia, poi tra sé e sé pronuncia quella frase di cui sopra, la sgradita offesa al giornalista. Le parole del Presidente sono state chiaramente udite da tutti perché i microfoni erano ancora aperti. Quello di Joe Biden voleva essere uno sfogo personale, non galante ma intimo. Invece il risultato è che ha pubblicamente offeso un giornalista responsabile di avergli rivolto una domanda scomoda. Non il massimo per l’immagine di un Presidente che sta faticando più del previsto.

Joe Biden
Joe Biden

Le scuse del Presidente

La questione si è risolta, come riferito da Fox News, con una telefonata di Biden al povero giornalista. Il Presidente degli Stati Uniti ha contattato personalmente Doocy al quale ha presentato le proprie scuse, accettate di buon grado dall’inviato.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 25-01-2022


L’Economist boccia Draghi: “Il suo tentativo di diventare Presidente è nocivo per l’Italia e per l’Europa”

Chi è Letizia Moratti, candidata del Centrodestra nella corsa al Quirinale